Lavorare… con le mani! Fa bene alla salute e ci rende più felici

  • 1 7
    Credits: shutterstock

    PASSIONE BRICOLAGE

    Mani in pasta... e non solo. Mani che affondano nella terra fresca,  mani che tagliano e uniscono fili; mani che inventano, creano forme, danno vita all'immaginazione. I lavori manuali fanno bene alla salute e aumentano la felicità. Dagli studi emerge che stimolano il cervello e influenzano l'attività neuronale con un effetto antistress. Quando facciamo bricolage siamo attenti e immersi nel momento presente. Una meditazione attiva dai benefici incredibilmente positivi.

  • 2 7
    Credits: shutterstock

    COLTIVA UNA PIANTA

    Secondo un'indagine effettuata dal Sage Colleges di New York, giardinaggio e orticoltura costituiscono una terapia per la mente, in grado di allenare il corpo, combattere l'invecchiamento e stimolare il cervello. I dati hanno evidenziato che il profumo della terra e della natura modifica la produzione di serotonina.

  • 3 7
    Credits: shutterstock

    TROVA IL TUO HOBBY

    Concentrazione e precisione: attività come creare bijoux, fare puzzle o costruire modellini stimolano le capacità manuali in bambini e adulti. Chi ha detto che non si possano migliorare le proprie abilità? Vale a qualsiasi età, l'importante è scoprire un'attività che stimoli realmente la nostra curiosità e ci metta di buon umore: il lato ludico è fondamentale.

  • 4 7
    Credits: shutterstock

    SENSO DEL DOVERE VS GIOCO

    Tu come cucini? La vera questione dietro un hobby è scoprire un'attività in grado di migliorare la nostra relazione con ciò che amiamo e regalare a noi stessi la possibilità di vivere il tempo in maniera differente. Un conto è cucinare perché serve, un altro è lasciarsi andare al piacere di sperimentare, assaporare con i sensi, scoprire nuove ricette... in cucina e nella vita. Provaci e ritrova il tuo senso del gioco.

  • 5 7
    Credits: shutterstock

    AGO E FILO

    Un corso nel quartiere, i video disponibili sul web, un manuale o la vicina di casa con cui non parli mai: i modi per iniziare sono tanti e se un tempo confezionare i vestiti per la famiglia costituiva una normale consuetudine oggi il cucito offre molto di più. L'emozione di indossare qualcosa fatto su misura e inventare creazioni nate dal potere della fantasia.

  • 6 7
    Credits: shutterstock

    RILASSATI

    All'inizio fare la maglia può sembrare complicato, tuttavia con un po' di pratica alla fatica si sostituirà un senso di rilassamento e soddisfazione. Svolgere un'attività ripetitiva come la uncinetto e knitting, spiegano gli studi, abbassa i livelli di ansia e a lungo termine contribuisce a aumentare la concentrazione.

  • 7 7
    Credits: shutterstock

    SPAZIO ALL'IMMAGINAZIONE

    Quante volte lasci la tua impronta sulle cose intorno a te? I vecchi film di un'icona del cinema, Charlie Chaplin, ci ricordano una straordinaria abilità umana: la capacità di giocare con la realtà. Nel suo caso si trattava di dare un nuovo senso agli oggetti ed era questo a farci così ridere. Un colapasta diventa un cappello: le cose si trasformano e questo accade quando iniziamo a sorprenderci di nuovo. Impariamo a prendere esempio dai bambini, mettere in moto la creatività e aggiungere un pizzico di magia alle giornate. Basta poco, pochissimo. Il tempo di un sorriso.

/5

USARE CERVELLO E... MANI

Matthew Crawford, pensatore e meccanico specializzato in motociclette, aveva esposto questa teoria nel suo libro The Case for Working with Your Hands: or Why Office Work is Bad for Us and Fixing Things Feels Good. Come spiega il titolo: la questione del lavoro manuale, ovvero perché il lavoro d'ufficio fa male e aggiustare le cose fa bene. Facciamo una vita sempre più sedentaria e capita che la giornata lavorativa di tanti sia confinata alla scrivania. Lavoriamo con le mani quando ne abbiamo il tempo e lo spazio, qualche volta solo nel tempo libero, eppure ha un riscontro immediato, perché quando abbiamo l'occasione di farlo ci sentiamo soddisfatti, energici, ricchi di risorse.

 

ISPIRAZIONE, LA CHIAVE

Il periodo della crisi ha cambiato gli scenari lavorativi e professionali, ma nella difficoltà abbiamo trovato possibilità nuove, che non credevamo nemmeno di possedere. C'è chi ha trasformato una passione in una professione e qualcuno da un semplice hobby è riuscito a cogliere nuovi spunti per uno stile di vita all'insegna del cambiamento. Matthew Crawford spiega che quando si trova a riparare un motore sente che il cervello si accende, trova soluzioni, agisce in velocità. In una parola, ci sentiamo sollecitati e... ispirati.

 

DOVE NASCE LA TUA CREATIVITÀ?

Veder crescere i frutti del proprio orto, organizzare il lavoro a maglia o realizzare bijoux è appagante perché la percezione è che dalle nostre mani, attraverso abilità che non sospettavamo di avere, nasca qualcosa di nuovo e vivo. Il punto è proprio questo: creare è un atto magico e tocca corde profonde del nostro animo. Quando ci lasciamo condurre dall'istinto e osiamo sperimentare improvvisamente si apre lo spazio per una creatività nuova, in cui tutto appare nella luce di una gioia profonda e primitiva.

 

CERCA LA TUA PASSIONE

Qualche anno fa maglia e uncinetto sono stati portati alla ribalta come hobby creativo dalle modelle in pausa fra una passerella e l'altra. L'idea è ancora un trend di successo, tanto che da pochissimo in Strada Maggiore a Bologna ha inaugurato un'Officina di... lana e caffè, per trasformare il bar in un luogo dove ritrovarsi a fare la maglia davanti a un cappuccino, scambiarsi storie e consigli. Secondo gli studi fare la maglia stimola la concentrazione e rilassa la mente: i test hanno mostrato risultati positivi importanti anche sui bambini, per questo l'attività viene insegnata nell'ambito del trattamento dell'Adhd, disturbo da deficit di attenzione e iperattività.

 

ASCOLTA IL SILENZIO

L'antico ora et labora, prega e lavora, evoca il paziente esercizio dei monaci e delle monache, di cui è rimasta testimonianza nelle opere degli amanuensi, che copiavano interi volumi a mano con una calligrafia densa di decorazioni e colori; gli orti e il lavoro all'aria aperta, i ricami e i dolci prodotti nei monasteri ricordano una vita fatta di meditazione, ma anche azione. In fondo, questo concetto fa parte di una saggezza condivisa e gobale, perché siamo corpo e mente. Abbiamo bisogno di far uscire l'immensa energia che abbiamo dentro. Imparare a creare qualcosa ci fa sentire bene perché ha a che fare proprio con questo: la nostra forza vitale. Attraverso le mani diamo forma al mondo e ai nostri desideri, ritroviamo un contatto profondo con le nostre emozioni, raggiungiamo una zona di silenzio interiore. Torniamo a essere mente e corpo, qui e ora.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te