Vivere sotto lo stesso tetto: per cosa si litiga?  

Una ricerca svela i motivi per cui si litiga durante una convivenza e si rischia di trasformare una casa da nido d'amore a nido di vespe

di Sofia Natella

Si fatica tanto per un matrimonio: trovare la casa adatta, pagare l'affitto o il mutuo e poi... il nido d'amore rischia di trasformarsi in un nido di vespe per motivi decisamente futili, se paragonati all'amore che spinge una coppia a vivere insieme e agli ostacoli che spesso bisogna affrontare - vogliamo parlare dello stress da trasloco? - per realizzare questo desiderio.

Come al solito. Lui ha lasciato la tavoletta del water alzata. Tu sei determinatissima nella tua temporanea carriera di interior designer e non permetterai a nessuno, neanche a lui, di interferire con il tuo diabolico progetto d'arredamento. E si inizia a litigare.

Una ricerca mette a nudo le scaramucce dei novelli sposi (50%), o conviventi. Nel 69,8% dei casi si comincia a bisticciare all'Ikea, o in qualche altro negozio di arredamento, dove si bisbigliano all'orecchio del partner frasi come: "ma lo sai che ho sempre detestato il marrone" e si giunge a una risoluzione solo dopo un lungo braccio di ferro sul colore delle pareti (19,9%), sulla scelta del divano (17,0%), delle tende (10,9%) e degli elettrodomestici della cucina (10,9%).

Una volta raggiunto l'accordo sull'indispensabile, arriva la volta delle suppellettili decorative della dolce dimora: rischiano di volare quadri (16,6%) e vasi o piante (12,9%), scontrandosi a mezz'aria a causa di - dopotutto non essenziali - divergenze di gusti.

Quando la casa è finalmente completa, i litigi si accendono sulle pessime abitudini del partner: "Non hai visto che ogni volta che ti lavi schizzi tutto il pavimento? E lo specchio è pieno di macchie!" fa perdere le staffe al 29,7%, "Con tutti questi vestiti per terra sembra di vivere in un campo di battaglia!" al 27,1%, e "Cara, dove sono i miei calzini?", "Guarda nel microonde" produce pericolosi risvolti per il 28,6% degli intervistati.

E come dimenticare la contesa per il telecomando (27,4%) o per il computer (14,5%)?

Forse sarebbe meglio spegnere queste diavolerie tecnologiche, guardarsi negli occhi e ricordarsi che oltre a litigare, c'è ben altro (e di meglio) da fare vivendo sotto lo stesso tetto.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
casa/speciale-matrimonio/per-cosa-si-litiga-durante-una-convivenza$$$Vivere sotto lo stesso tetto: per cosa si litiga?
Mi Piace
Tweet