Fritto: i consigli per friggere al meglio

/5

Friggere in casa ti sembra complicato? Con alcune accortezze puoi goderti un fritto leggero e gustoso senza stress: segui le nostre semplici regole base! Ti spieghiamo l'olio da scegliere, la pastella o l'impanatura perfetta.

Friggere a casa non è semplice. Quante volte capita di rinunciare? I motivi sono tanti: il fritto fatto in casa difficilmente riesce come quello che si mangia al ristorante, spesso è molle, poco croccante, troppo bagnato. E poi in casa si diffonde un odore difficile da cacciare! Ma qualche soluzione c'è, partiamo dalle tipologie di frittura.

Come si frigge un alimento

Il primo è il fritto in padella: per farlo si usa la padella, all'interno della quale il livello dell'olio deve arrivare circa a metà dell'ingrediente che si sta friggendo. Per questo motivo bisogna girare il fritto perché cuocia al meglio da entrambe le parti. Esiste anche la cottura in padella lionese: una semplice padella di ferro che permette un secondo tipo di cottura con solo un filo di burro o di olio, giusto per coprire il fondo. C'è poi il fritto ad immersione, che tendenzialmente si fa con la friggitrice, ma si può fare anche in padella con un cestello apposito. L'alimento che friggerai in questo caso viene immerso completamente nell'olio.

Qual è l'olio migliore per friggere

Promossi a pieni voti olio extravergine di oliva o olio di oliva, smentendo la credenza, forse dovuta al colore stesso dell'olio, che siano troppo pesanti per friggere. Hanno infatti un punto di fumo abbastanza elevato che aiuta a rendere il fritto leggero e croccante. Benissimo anche olio di arachidi e di semi di girasole. Bocciati invece olio di soia, di semi vari e la margarina.

Come scegliere tra panatura e pastella

Puoi preparare anche un fritto semplice, senza aggiungere nulla al cibo che vuoi friggere, oppure puoi semplicemente infarinarlo. La panatura classica con uovo e pagrattato si adatta alla frittura di tantissimi tipi diversi di alimenti, dalla carne alle verdure, e serve per dare più croccantezza alla pietanza. Senza dimenticare la nota di gusto in più! E infine si può immergere l'alimento in pastella. Esistono vari tipi di pastelle adatte a diversi tipi di alimenti: clicca qui per scoprire 3 ricette sfiziose per pesce, crostacei e fritture.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te