Ricevi i nostri consigli di cucina tutti i giorni

Indispensabile numero 3: il riso. Come la pasta, puoi prepararlo in tantissimi modi diversi, dal classico risotto a quello bollito di accompagnamento.

Risotto allo zafferano

320 g di riso Carnaroli

una cipolla

8 dl di brodo di carne preferibilmente di vitello

2 dl di vino bianco secco

90 g di burro

50 g di grana

un cucchiaino di pistilli di zafferano

sale, pepe  

Mettete il brodo in un pentolino, portatelo a ebollizione e spegnete; prelevatene un mestolino, versatelo in una tazza, aggiungete i pistilli di zafferano e lasciateli in infusione.  

Sbucciate la cipolla e tritatela fine; fate fondere 60 g di burro in una casseruola larga e bassa e, quando sarà spumeggiante, unite la cipolla; fatela stufare senza che prenda colore, mescolando con un cucchiaio di legno.  

Aggiungete il riso e lasciatelo tostare per un paio di minuti girandolo con un cucchiaio finché sarà traslucido; spruzzatelo con il vino e fatelo evaporare a fiamma viva; bagnate il riso con un mestolo di brodo e portatelo a cottura (occorreranno circa 18 minuti) incorporando, a mano a mano che viene assorbito, il restante brodo ben caldo. Aggiungete per ultimo quello messo nella tazza con i pistilli di zafferano.  

Togliete il risotto dal fuoco, regolatelo di sale, insaporitelo con una macinata di pepe, incorporate subito il burro rimasto a pezzetti, 30 g di grana grattugiato e mescolate energicamente per mantecare. Coprite il recipiente e fate riposare il risotto per un paio di minuti in modo che i sapori si amalgamino. Servitelo con il grana rimasto tagliato a scaglie sottili con un affetta tartufi.  

Riproduzione riservata

Ricevi i nostri consigli di cucina tutti i giorni

Ricevi i nostri consigli di cucina tutti i giorni

Prossimo