Treccia di patate fave e salame

  • 1 4
    Credits: Maurizio Lodi

    Ingredienti

     

    500 g di farina di semola di grano duro  
    200 g di patate  
    12 g di lievito di birra fresco  
    450 g di fave sgranate  
    100 g di salame a pasta fine  
    uno spicchio d'aglio  
    un cucchiaino di zucchero  
    olio extravergine d'oliva  
    sale, pepe  


    Lavate le patate e cuocetele in una pentola partendo da acqua  fredda per 35-40 minuti. Pelatele e schiacciatele. Scottate le fave,  scolatele, pelatele e tritatele grossolanamente. Saltate le fave in una  padella con 3 cucchiai d'olio e l'aglio schiacciato, salate, pepe,  coprite e cuocete per 5-6 minuti. Fate raffreddare e unite il salame tagliato a dadini.

  • 2 4
    Credits: Mauruzio Lodi

    Impastate la farina sulla spianatoia con il purè di patate, le  fave con il salame, il lievito sciolto con 2 dl d'acqua tiepida e lo zucchero per 10 minuti; formate una palla, incidetela a croce,  trasferitela in una ciotola, coprite e lasciate lievitare per un'ora.

  • 3 4
    Credits: Maurizio Lodi

    Sgonfiate l'impasto, dividetelo in 3 filoni della stessa  lunghezza e incrociateli in modo da ottenere una treccia. Trasferitela  in una teglia foderata con carta da forno e saldate le estremità per  formare una ciambella; copritela e lasciatela lievitare per 30 minuti.

  • 4 4
    Credits: Maurizio Lodi

    Spennellate la ciambella con 2 cucchiai d'acqua mescolati con un  cucchiaio d'olio e cuocetela in forno a 220° per circa 25 minuti.Servite.

/5

Una ricetta adatta sia come antipasto sia come contorno

Per ottenere un antipasto consistente e originale ti proponiamo la ricetta per preparare la treccia a base di fave, salame e patate. L'impasto di questa treccia viene preparato con le fave, che fanno parte della famiglia delle Leguminose. Le fave si prestano a tante preparazioni ma sono anche pericolose per coloro che sono affetti da favismo, una malattia genetica che non permette l'assunzione delle fave e che causa problemi epatici. Per coloro che non soffrono di questa malattia la treccia di fave sarà un antipasto squisito e apprezzato, da utilizzare anche come secondo, specialmente se accompagnato da salame o da un altro tipo di affettato.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te