Il 'brutto' di essere una principessa 

Nell'immaginario collettivo, avendo sposato un principe, dovrebbero essere felici. E invece, la storia insegna che nella maggior parte dei casi, le aspiranti al trono sono spesso tristi e sole.

di Francesca Favotto

In teoria, avendo sposato un principe - magari non azzurro, ma sempre di principe si tratta - dovrebbero aver realizzato il sogno della favola d'amore. Eppure nella realtà, per molte aspiranti al trono di ogni epoca e latitudine, pare non esserci lieto fine, tanto è vero che è entrata nell'uso comune la definizione di 'principesse tristi'.

L'ultimo episodio in ordine di tempo riguarda Charlene, moglie di Alberto di Monaco, paparazzata dal giornale "Chi" nella sua nuova residenza in Corsica, luogo dove si è trasferita da qualche mese, dopo aver dato alla luce i gemelli Jacques e Gabriella: negli scatti appare sempre sola, il marito non si vede mai e nell'ultimo periodo, ha presenziato solo a un evento mondano, ovvero la celebrazione dei dieci anni di regno di Alberto II. La coppia alla stampa si ostina a ripetere che va tutto bene, che sono felici insieme, ma il dubbio che viene, guardando ai fatti, è più d'uno.

Sembra che le tocchi la stessa sorte di Lady Diana, la 'principessa triste' per eccellenza: una vita passata a non essere apprezzata né dal marito né tanto meno dalla famiglia di lui e un destino tragico, proprio quando stava cominciando ad assaporare la felicità.

Nella nostra gallery, le 'principesse tristi' più conosciute, da Diana a Soraya, passando per Maddalena fino a Charlene: donne che potenzialmente avevano e potrebbero avere tutto, ma a cui forse mancava e manca solo una cosa per essere felici: la libertà di essere se stesse.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
gossip/personaggi/principesse-tristi-royals$$$Il 'brutto' di essere una principessa
Mi Piace
Tweet