Pretty Woman compie 25 anni: le frasi più belle e gli insegnamenti migliori

  • 1 7

    Basta poco per farsi perdonare

    «Sei in ritardo»,
    «Sei bellissima»,
    «Non sei in ritardo».

    Vivian (Julia Roberts) è seduta al bar, e sta aspettando Edward (Richard Gere) per andare a cena: è così radiosa, fasciata in un elegante abito nero, che lui una volta arrivato stenta pure a riconoscerla. Aspettare una persona che è in ritardo è fastidioso, a volte pure imbarazzante, ma un semplice «sei bellissima» sussurrato sommessamente è in grado di far dimenticare qualsiasi attesa.

  • 2 7

    In amore, vince ancora Cenerentola
    «Tu fammi un solo esempio di una che conosciamo alla quale è andata bene»,
    «Vuoi un esempio? Vuoi che ti faccia un nome? Vuoi che ti dica un nome insomma, uno qualunque»,
    «Sì, uno. Me ne basta uno»,
    «Dio, che ossessione sono i nomi… quella gran cu*o di Cenerentola!».

    Anche Kit (Laura San Giacomo), la disincantata amica di Vivian, è in difficoltà: qual è quella persona a cui «è andata bene», per la quale le cose hanno funzionato e che ha visto l’amore trionfare, nonostante le premesse iniziali non fossero le più rosee? Niente da fare, qui scervellarsi è inutile: la regina incontrastata rimane sempre lei, «quella gran cu*o di Cenerentola».

  • 3 7

    Gli aggettivi sono fondamentali

    «Mi scusi signore, esattamente per sfacciata somma di denaro, intendeva... disinvolta o... diciamo spudorata?»,

    «Spudorata, diciamo!»,

    «Quanto mi piace quest’uomo!».

    La replica che Edward dà al titolare del negozio in cui è a fare shopping con Vivian è il sogno di qualsiasi fashion addicted – e non solo – che si avvera: spese senza freni totalmente sponsorizzate dall’uomo perfetto, che con un’accurata selezione di aggettivi si assicura l’assoluta deferenza dei commessi. L’ennesima dimostrazione che le parole continuano a essere più che importanti.

  • 4 7

    Dobbiamo sempre avere fiducia in noi stesse

    «È molto più facile credere alle cattiverie, ci hai mai fatto caso?»

    Cedere al richiamo della sfiducia e della disistima che crediamo gli altri nutrano nei nostri confronti a volte può essere la strada più semplice, perché non ci costringe a dover dare prova di quanto valiamo in ogni occasione: anche Vivian ne è consapevole, e l’incontro con Edward le aprirà finalmente gli occhi, facendole decidere di cambiare la sua vita.

  • 5 7

    Dimmi quanto spendi e ti dirò chi sei

    «Nei negozi non sono gentili, non mi va»,

    «Non sono mai gentili con la gente: sono gentili con le carte di credito».

    Triste ma vero: saranno passati anche 25 anni, ma ancora oggi l’abito fa il monaco e molto spesso – soprattutto in certi tipi di negozi – capita di venire bollate in base alle apparenze. Ne sa qualcosa anche Oprah Winfrey, che un po’ di tempo fa è stata accusata di non potersi permettere una borsa in una boutique di Zurigo: da vera signora, non fece scenate e si limitò ad andarsene sorridendo.

  • 6 7

    Al ristorante, mai lasciare che qualcun altro ordini per noi

    «Stro*ze lumachine!»

    In un ipotetico appuntamento con l’uomo dei sogni, non lasciamogli mai carta bianca nella scelta delle portate al ristorante: potremmo ritrovarci come Vivian a dover armeggiare – con risultati fallimentari – delle pinze per escargot, senza la certezza che il nostro accompagnatore abbia lo stesso senso dell’ironia dimostrato da Edward in quella famosa occasione.

  • 7 7

    Continuiamo fermamente a credere nelle favole

    «E che succede dopo che lui ha scalato la torre e salvato lei?»,
    «Che lei salva lui!».

    Vivian voleva la favola, sin da quando era bambina, e – nonostante la sua vita avesse poi subito qualche deviazione – non ha mai perso le speranze e smesso di rincorrere il suo sogno, che finalmente si realizza quando Edward vince le vertigini e sale la ripida scala per riprendersi la propria principessa. È questo forse il più grande insegnamento del film: non smettere mai di volere il nostro personale lieto fine.

/5

Dopo 25 anni Pretty Woman continua a essere uno dei film più belli di sempre: lo festeggiamo con le sue citazioni più belle (e con i suoi insegnamenti migliori).

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te