La smorfia napoletana, cos’è, da dove arriva, come si usa

Credits: Getty
1 7

Le origini della smorfia napoletana sono, ancora oggi, avvolte nel mistero. La teoria più accreditata attribuisce le sue origini alla cabala ebraica - detta anche qabbaláh, kabbalah o cabbala, che in ebraico significa dottrina ricevuta, tradizione -, secondo la quale nella Bibbia qualsiasi parola, lettera o segno hanno un significato nascosto. La cabala utilizza la numerologia, o meglio, ad ogni nome associa un numero ed ad ogni numero un significato metafisico. Si dice che nel mondo ci siano solo 36 cabalisti e che, tramite la Cabala, essi possano operare dei prodigi. La smorfia napoletana è la versione grottesca e satirica della cabala, a mero uso dei popolani che, in base ad esperienze oniriche e fatti non ordinari del vissuto quotidiano, ricavano i numeri da 1 a 90 da giocare al Lotto e all'Enalotto. Un'altra ipotesi esterna all'Ebraismo, riconduce la Cabala e quindi la Smorfia al matematico e filosofo greco Pitagora di Samo (588-500 a.C.) e alla sua scuola numerologica di Crotone. Certo è che associare immagini, eventi o elementi comuni a numeri è un'usanza molto antica.

/5

Tutto quello che c'è da sapere sulla smorfia napoletana, l'interpretazione (grottesca e satirica) dei sogni e i numeri da giocare al lotto

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te