Questo albergo non è una casa! 

Nascono nuovi hotel che ridefiniscono l'esperienza dell'albergo e si contrappongono a Airbnb e altre piattaforme di home sharing con servizi innovativi. Per far sentire gli ospiti bene “come a casa”

di Girlitude

Diciamocelo, da quando ci sono Airbnb e le piattaforme di home sharing viaggiare non è più la stessa cosa. Poter soggiornare in una “vera” casa ogni volta che partiamo alla scoperta di una nuova destinazione non è solo un espediente per risparmiare ma significa anche avere la possibilità di immergersi nella vita e nelle abitudini di una città calandosi nei panni di chi la vive tutti i giorni. Un’esperienza impagabile che sta ridefinendo i contorni e il significato stessi del concetto di viaggio che per certi versi assume le caratteristiche di un’osservazione antropologica ravvicinata.

Un’ulteriore esternalità positiva che il paradigma della sharing economy sta generando è che “costringe” le imprese “tradizionali” – gli alberghi in questo caso – a ripensarsi e evolvere per rimanere al passo coi tempi e con le mutate aspettative di noi tutte. Nascono, quindi, un po’ in tutto il mondo nuovi concept di hotel, mentre quelli già esistenti cominciano a offrire servizi innovativi per far sentire gli ospiti bene “come a casa”, in pratica cercando di rendere l’accoglienza meno impersonale e standardizzata.
Sfoglia la gallery e lasciati ispirare per la tuo prossimo viaggio!

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
lifestyle/viaggi/alberghi-dove-sentirsi-a-casa$$$Questo albergo non è una casa!
Mi Piace
Tweet