Tre idee per farli stare bene all'aria aperta 

Finalmente i bambini possono godersi l'estate in mezzo alla natura

di Angelo Forte  - 19 Luglio 2010
 

La scuola è finita e, finalmente, i bambini possono godersi lunghe giornate all'aria aperta. Come aiutarli a vivere in modo profondo questa immersione nella natura? Ecco i consigli di Massimo Montanari, guida ambientale per l'associazione Bimbotrek e autore di libri per bambini.

1) "Ai piccoli, che sono esploratori nati, si può proporre di fare un breve percorso a piedi nudi. Basta che mamma e papà controllino che non ci siano oggetti taglienti. In questo modo i bambini potranno "sentire" la terra, l'erba, e se c'è, anche il fango, divertendosi un mondo".

2) "Se si cammina vicino a un corso d'acqua, è bello fermarsi a costruire "sculture" con i sassi, creando torri, castelli o animali, dal coccodrillo all'orso. Ma anche piccole dighe, per formare piscine naturali dove immergersi".
3) "Un'altra attività consiste nel tendere a terra uno spago lungo due metri. E invitare i bambini a percorrere questo tratto, sdraiati per terra, con una lente di ingrandimento. Così un prato diventa una foresta e si scoprono tanti particolari che passerebbero inosservati"

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
mamme/Bambini/Tre-idee-per-farli-stare-bene-all-aria-aperta$$$Tre idee per farli stare bene all'aria aperta
Mi Piace
Tweet