Baby sitter: come sceglierla? 

Quello della baby sitter è un mestiere vero e proprio, tanto che ora nasce un albo delle "bambinaie". trovare una buona baby sitter è ormai una necessità per le famiglie di tutte le classi sociali. Ma come scegliere la baby sitter? Abbiamo stilato un piccolo prontuario ad uso e consumo dei genitori alle prime esperienze...

di Giulia Blasi  - 31 Marzo 2009

la novità è un albo professionale delle "bambinaie".

L'affidamento dei figli a persone pagate per sorvegliarli e curarli è antico quanto l'istituto della famiglia, quanto le balie che prima allattavano e poi finivano di allevare i rampolli dell'alta borghesia. La differenza è che trovare una buona baby sitter è ormai una necessità per le famiglie di tutte le classi sociali.

Ma come scegliere la baby sitter?

Abbiamo stilato un piccolo prontuario ad uso e consumo dei genitori alle prime esperienze.

1. Analizza le tue necessità

Ti serve una tata a tempo pieno, o una baby sitter flessibile per i momenti in cui non c'è nessun altro che possa stare con i bambini? Hai figli con necessità particolari, molto piccoli, oppure si tratta di bambini già grandicelli ma non ancora grandi abbastanza da rimanere a casa da soli? Tutti questi fattori devono essere presi in considerazione prima di decidere a chi affidarsi. Per i bambini già grandi e senza particolari esigenze, ad esempio, può essere adatta anche una baby-sitter giovane e senza particolari qualifiche. L'importante è che sia sveglia, intelligente, reattiva e sappia cosa fare in caso di emergenza. Ma puoi anche volere una tata che insegni ai tuoi figli una seconda lingua, o che sia in grado di badare a bambini con problemi motori o comportamentali.

2. "Ma ci sono i nonni!"

Ci sono un sacco di motivi per preferire i nonni alla baby sitter, e viceversa. I nonni sono a costo zero, ma hanno spesso la tendenza a pretendere gratitudine, a dare consigli non richiesti e ad interferire nelle scelte educative dei genitori. Se puoi affrontare il costo, non sentirti in colpa: meglio una buona baby sitter di una nonna impicciona.

3. Usa il passaparola

Nella tua rete di conoscenze c'è sicuramente qualcuno che ti può raccomandare una tata o una baby sitter che sia adatta alle tue esigenze. Non è detto che sia quella perfetta - ogni genitore e ogni bambino è diverso - ma è un primo indirizzo molto valido.

4. Chi è la tua candidata?

Al primo colloquio, cerca di capire chi hai davanti, che qualifiche ha, se ha o meno figli, ma soprattutto se ti trasmette calore umano, gentilezza e intelligenza. Una buona baby sitter deve essere in grado di far sentire il bambino al sicuro, dire "sì" quando è il caso e "no" quando serve.

5. Fai le domande giuste

Sa cucinare o preparare una pappina? È in grado di prestare i primi soccorsi in caso di emergenza? Abita vicino? È reperibile su richiesta? Sarebbe in grado di rimanere fuori per la notte, se fosse necessario? È abbastanza forte da sollevare un bimbo robusto con qualche problema motorio? Fai subito tutte le domande del caso, senza timore.

6. I bambini vanno d'accordo con lei?

Una buona regola è farle conoscere i bambini di cui si dovrà occupare. Anche i piccolissimi sono persone: hanno le loro simpatie e antipatie, e a volte con qualcuno proprio non vanno d'accordo. Falli stare un pochino insieme per vedere come butta, e fidati del loro giudizio: i bambini sanno, spesso meglio dei genitori, con chi sono al sicuro.

7. Stabilisci le regole

Questo è un passo che di solito si compie dopo aver scelto la baby sitter, ma è un passo importante. Non possono esserci regole diverse in casa a seconda che mamma e papà ci siano o meno. La baby sitter deve essere un sostituto efficace del genitore: i bambini capiscono subito se l'adulto con cui hanno a che fare ha o meno autorità su di loro. Spiega ai tuoi figli che la presenza della baby sitter non cambia niente per loro: l'ora della nanna, la televisione e le attività rimangono le stesse. Senza deroghe!

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
mamme/Bambini/baby-sitter-come-sceglierla2$$$Baby sitter: come sceglierla?
Mi Piace
Tweet