Bambine schiave? No, grazie 

Il 12 giugno è la giornata mondiale contro lo sfruttamento del lavoro minorile e il 2009 è dedicato in particolare alle piccole lavoratrici (più di 100 milioni nel mondo): firma anche tu la petizione on line di Cesvi e scopri il videogioco che "salva" i bambini

di Sara Sironi  - 10 Giugno 2009

Nel mondo ci sono 218 milioni di bambini il cui lavoro è sfruttato, ben 126 milioni di minori esposti a lavori rischiosi e 100 milioni tra loro sono bambine la cui vita è ancora più dura: moltissime lavorano nell'agricoltura o nel settore manifatturiero, anche in pessime condizioni, e non possono ovviamente andare a scuola. Le ragazzine sono le più sfruttate nel giro del commercio sessuale e spesso sfruttate come vere e proprie schiave nel servizio domestico.

I bambini lavoratori non sono una realtà che riguarda esclusivamente i Paesi in via di sviluppo: in Italia lavorano 144.000 bambini tra i 7 e i 14 anni (fonte ISTAT).

L'ong e onlus Cesvi  è al fianco dei ragazzi vittime di sfruttamento in ogni continente attraverso progetti di educazione allo sviluppo e promuove in Italia la campagna  europea Stop Child Labour - School is the best place to work affinché tutta la società civile si attivi in azioni concrete contro il lavoro minorile.

Nell'ambito di questa campagna Cesvi ha lanciato una petizione online a cui hanno già aderito 8.300 persone tra giornalisti, cittadini, parlamentari europei e testimonial, che verrà consegnata al governo italiano affinché il nostro paese si assuma degli impegni precisi a livello nazionale e internazionale. Firma anche tu cliccando  www.stoplavorominorile.it .

Fai giocare i tuoi figli con "Stop Child Labour": il videogame interattivo dedicato al diritto all'educazione e alla lotta contro lo sfruttamento del lavoro minorile è stato lanciato in Italia, Olanda, Germania, Danimarca, Irlanda e Repubblica Ceca e si rivolge a ragazzi tra i 13 e i 17 anni. La durata del videogioco è di circa di 5 minuti: il compito del giocatore è quello di togliere il maggior numero possibile di bambini dallo sfruttamento per mandarli a scuola. Clicca qui per videogiocare .

In occasione della giornata mondiale di lotta contro lo sfruttamento del lavoro minorile Cesvi promuove anche la mostra "Workers. Storie di infanzia negata" di Cristina Francesconi: 25 foto sulla realtà dello sfruttamento del lavoro minorile nel mondo e i diritti dell'infanzia. Alla mostra si accompagnano le opere artistiche sotto forma di scultura, pittura e grafica degli studenti del Liceo Artistico Statale di Bergamo che organizzeranno anche dei laboratori per bambini. La mostra sarà aperta dal 13 al 14 giugno dalle ore 15 alle ore 21 in via del Polaresco 15, Bergamo.

 

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
mamme/Bambini/bambine-schiave-no-grazie2$$$Bambine schiave? No, grazie
Mi Piace
Tweet