Bambini in piscina: sicurezza prima di tutto 

Nuotare e giocare in acqua è un esercizio irrinunciabile per la sua crescita. Ma il bagno va fatto in sicurezza

di Alessandro Pellizzari  - 29 Giugno 2011
Credits: 

Corbis

 
Tag: bambini, acqua, bagno, mare

Troppi incidenti, denuncia la rivista scientifica Pediatrics, potrebbero essere evitati seguendo poche regole. Ce le dà Rodolfo Tavana, medico dello sport.

1. Guardiamolo a vista. Non importa se il piccolo sta sguazzando in una piscinetta: possono bastare 30 secondi perché accada il peggio.

2. Non affidiamoci solo a braccioli e salvagenti: dobbiamo essere sempre in acqua con lui.

3. Ormai nuota come un pesciolino, ma non fidiamoci a lasciarlo andare lontano da solo. Se arriva un'onda e beve, può entrare in panico e perdere il controllo: nuotiamo sempre con lui.

4. Non importa se ha mangiato poco e nuota a riva: la regola di attendere le 3 ore perché si completi la digestione lo terrà al riparo dalla congestione, in agguato anche se la piscina è piccola.

5. Dai 4 anni facciamogli prendere delle lezioni con l'istruttore: acquisirà sicurezza.

6. Evitiamo il più possibile i tuffi. Certo,sono divertenti, ma aumentano il rischio di incidenti.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
mamme/Bambini/bambino-acqua-tieni-occhi-aperti$$$Bambini in piscina: sicurezza prima di tutto
Mi Piace
Tweet