Dreamer school: la scuola dei giovani talenti 

Dreamer school: la  Professoressa Renata Crotti ci racconta come funziona questa scuola estiva, di formazione ed eccellenza, che fa sognare...

 - 14 Marzo 2012

La   Dreamer School è una scuola estiva, di formazione ed eccellenza, aperta ai ragazzi della scuola media. La Dreamer School è un scuola che fa sognare, non solo per l’ubicazione (uno splendido ex convento sulle rive del mare ligure) ma per le opportunità che offre: uno stage di studio intensivo di quattordici giorni, nel corso delle vacanze estive, in cui i ragazzi studiano, fanno amicizia, partecipano a laboratori e conoscono personaggi eccezionali.

La scuola è stata creata da Colour your life, una fondazione nazionale no-profit, con la missione di: scoprire, conoscere e sostenere i talenti “in erba” nel campo scientifico, artistico e dei mestieri. Lo scopo: offrire ai giovani ospiti delle finestre culturali sul mondo, nella convinzione che l’unico vero aiuto che si possa offrire ai ragazzi, determinati e con sogni da realizzare, sia fornire…Cultura!

La Professoressa Renata Crotti, docente di Storia medievale presso l’Università di Pavia e docente di storia presso la Dreamer School (referente del bando ‘La storia è vita. Conosci la storia, sarai tu  farla’) ci ha spiegato quale è la mission della scuola, come funziona e come si accede.

“La scuola è molo strutturata e lascia poco respiro” spiega la Professoressa  Crotti “ma i ragazzi ne sono contenti”. Le regole sono ferree: sveglia alle 6 e 30 del mattino, alle 6 e 50 si va al mare (se l’acqua non è troppo fredda si fa il bagno) e poi si rientra per la colazione. Cominciano quindi tutte le attività della scuola: la mattina c’è il momento Pianeta in cui i diversi docenti spiegano e illustrano le diverse materie (si va dalla fotografia alla pubblicità, passando per la storia e la robotica), il pomeriggio i ragazzi si confrontano con i docenti su quanto hanno appreso nel corso della mattinata. Tutti i giorni i ragazzi studiano due ore di inglese con insegnanti di madre lingua, seguendo un metodo tutt’altro che scolastico: canto, ballo, improvvisazione e teatralità.

Tra le regole ferree della scuola c’è l’uso del telefonino solo in determinate fasce orarie ma, ci assicura la Professoressa Crotti, nessuno se ne lamenta, anzi “molti ragazzi rinunciano ad usarlo persino in quelle fasce orarie” .

Per i ragazzi è un’occasione straordinaria di entrare in contatto con personaggi di spicco e di eccellenza in vari settori della vita professionale e sociale, in un contesto estremamente stimolante e creativo.

Come si accede alla Dreamer School?

L’accesso alla Dreamer School è il premio di ogni bando indetto dalla Fondazione Colour Your Life. L’ultimo bando è il concorso BuonCompleannoItalia un concorso nato nell’ambito del progetto “La storia è vita. Conosci la storia, sarai tu  farla” dedicato nel 2011 all’unità d’Italia, di cui è referente la Professoressa Crotti. Il concorso è volto a premiare i tre migliori elaborati (fotografie, disegni, testi, poesie, filmati) di ragazzi della scuola secondaria di primo e secondo grado, ispirati al concetto di unità nazionale e all’idea di voler augurare tutti gli anni Buon compleanno all’Italia. Per partecipare basta inviare gli elaborati a COLOUR YOUR LIFE FOUNDATION – Viale Libia 5/1, 17025 Loano (SV) (entro il 4 MAGGIO 2012).

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
mamme/Bambini/dreamer-school$$$Dreamer school: la scuola dei giovani talenti
Mi Piace
Tweet