È molto, troppo vivace. Con l'età passerà  

di Alessia Cogliati  - 22 Maggio 2010

«Non sta mai fermo». Ecco una delle frasi che meglio definiscono un bambino iperattivo.

«Un disagio che emerge nei primi anni di vita» afferma Manuela Trinci, psicoterapeuta dell'età evolutiva. «E che può guarire con l'età quando il piccolo impara a esprimere un eventuale disagio non più "a gesti", ma a parole».

È successo qualcosa? «Serve capire se c'è stato un cambiamento» spiega l'esperta. «La nascita di un fratellino o un clima poco disteso in famiglia influiscono sul comportamento del bimbo. Parlargli serenamente lo aiuta da subito».

Niente etichette «Il piccolo non va "bollato" come agitato» prosegue Trinci. «Meglio affidargli un compito facile, come innaffiare le piante, e stargli accanto finché non lo porta a termine. Così capisce che, se si impegna, può raggiungere con calma ogni obiettivo».

Meglio all'aria aperta «Il bimbo iperattivo non deve sentirsi costretto in uno spazio chiuso» dice l'esperta. «Passeggiare in un parco lo aiuterà a spostare l'attenzione su più cose senza l'ansia di dover concentrarsi su una sola».

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
mamme/Bambini/e-molto-troppo-vivace-con-l-e2-80-99eta-passera$$$È molto, troppo vivace. Con l'età passerà
Mi Piace
Tweet