Essere figlio unico è meglio? Tu cosa ne pensi?  

Essere figlio unico non sempre è facile per un bambino: il Professor Roberto Pani, psicologo e psicoanalista, ci dà qualche consiglio

 - 07 Giugno 2012
Tag: bambini

Professor Pani, in una recente intervista, Elton John ha dichiarato di volere un fratello per suo figlio perché da figlio unico, lui stesso, ha sofferto molto di solitudine e perché avere un fratello è un sostegno nelle battaglie della vita. In effetti la nostra sembra essere la società dei figli unici: a quali “rischi” si va incontro?

Il rischio soprattutto che i genitori corrono nell’ investire tutto il loro bisogno di affetto su quel figlio unico. All’inizio, può succedere che l’inesperienza della madre e del padre generi preoccupazione e ansietà. L’iper-protettività che ne consegue potrebbe creare eccessive illusioni e, di conseguenza, alimentare un contatto viziato e deformato con la realtà esterna, (mal adattamento, disturbi caratteriali). Il bisogno narcisistico dei genitori potrebbe essere proiettato sul figlio, aspettandosi molto da lui, per sentire loro stessi compensati da eventuali frustrazioni personali e, in questo senso, apparentemente gratificati.

L’uso di tale meccanismo proiettivo e d’aspettative che inducono il figlio a sostenere un immaginario e  perenne esame al fine di non deludere le aspettative dei genitori,  può verificarsi comunque con il primo figlio, indipendentemente se sarà l’unico o no.

La nascita di altri figli favorisce la distribuzione dell’investimento affettivo e consente ai fratelli, con il passare del tempo, una sana coalizione:  il fine consiste nel dividere l’angoscia derivante da una situazione d’esame che i genitori fanno loro  eventualmente percepire. Inoltre, le maggiori esperienze dei genitori con la nascita di più un figlio, li inducono a una migliore saggezza e minor proiezione dei loro bisogni urgenti di conferme per dimostrare d’essere confermati nel ruolo di bravi educatori.

Un figlio unico rischia di avere tutta l’attenzione di nonni e genitori su di sé, quali possono essere i “pericoli”?

Anche questo può accadere e il figlio unico può appagare le aspettative dei nonni che pensano a loro volta di aver commesso errori con i loro figli e per questo voler riparare in eccesso. Il figlio unico, a volte, può rimanere confuso da una presunta doppia educazione dei genitori che hanno motivo di insistere in certi punti e dai nonni che oppongono le loro inconsce ragioni.

Nell’educazione di un bambino, avere un fratello o una sorella è importante anche perché ci insegna a condividere: cosa consiglia di fare ad un genitore di figlio unico, per ovviare a questa carenza ?  

Appunto spesso è proprio così. Tuttavia non bisogna pensare che il figlio unico non possa crescere bene. Al contrario, ci sono molti esempi che dimostrano che se i genitori sanno essere sufficientemente moderati e saggi non sappiano trasmettere insegnamenti e il giusto affetto a quell’unico figlio ben desiderato, ma no oppresso. Molti figli unici come dimostra la storia umana sono diventati personaggi famosi, ma quel che più conta persone felici.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
mamme/Bambini/figlio-unico$$$Essere figlio unico è meglio? Tu cosa ne pensi?
Mi Piace
Tweet