I bambini litigano: come intervenire 

Le risse tra i piccoli sono all'ordine del giorno: ecco come comportarsi per insegnare ai bambini a gestire il conflitto e i rapporti con gli altri

di Isabella Fava  - 28 Gennaio 2010

Partiamo da un presupposto: i bambini litigano. «Lo fanno per "prendere le misure", con gli altri, ma anche con loro stessi, con le proprie risorse e i propri limiti».

Parola di Daniele Novara, pedagogista e direttore del Centro psicopedagogico per la pace e la gestione dei conflitti. Insomma, le risse fra cuccioli sono all'ordine del giorno. Ecco come comportarsi:

1. Non cercate il colpevole

«Litigare è una grande occasione per imparare a stare con gli altri e a gestire le opposizioni» dice Novara.

2. Usate il litigio come apprendimento

«Fate parlare i bimbi, cercate di capire il motivo dello scontro. E fate trovare a loro la soluzione».

3. State attenti che lo scontro non degeneri in violenza

«È importante che i bambini si limitino all'alterco. Senza farsi sopraffare dalla rabbia».

4. Se il bambino viene preso di mira all'interno di un gruppo o a scuola, non ergetevi a giudice ma cercate di favorire la comunicazione tra i compagni, con un diario di bordo per esempio.

5. Infine ricordate: i piccoli per natura non hanno il senso del rancore come gli adulti.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
mamme/Bambini/i-bambini-litigano-come-intervenire$$$I bambini litigano: come intervenire
Mi Piace
Tweet