Nuoto come un pesciolino 

Il nuoto è lo sport completo per eccellenza: favorisce uno sviluppo armonioso e completo del bambino e costituisce un mattone su cui poi si potrà contare per sperimentare altre attività sportive.

 - 18 Novembre 2011
Tag: sport, nuoto, bambini

Il nuoto è da sempre considerato lo sport più “completo” per eccellenza, perché fa muovere gli arti superiori ed inferiori del corpo, sviluppa le capacità motorie di ogni parte del corpo e, per questo, viene consigliato dagli esperti a tutti i bambini, a partire dai cinque anni di età, più o meno.

Prima di questa età sono consigliati corsi di Acqua baby o  acquaticità, che servono a far prendere ai bambini confidenza con l’acqua e, nel tempo, avvicinarli ai movimenti tipici del nuoto vero e proprio.

Il nuoto, più di ogni altro sport, è indicato come la primissima attività sportiva da svolgere. I benefici, infatti, sono molti sia da un punto di vista fisico, nella formazione della struttura ossea e muscolare di un bambino, sia da un punto di vista psicologico. I bambini, imparando a nuotare, sviluppano capacità di coordinamento, capacità di resistere alla fatica, imparano a gestire la respirazione, e tutto questo avviene in un ambiente “a-traumatico”, come l’acqua in cui non si corre il rischio di farsi male.

Da un punto di vista psicologico, poi, il nuoto – spiegano gli esperti – aiuta i bambini ad acquistare sicurezza in sé stessi e nelle proprie capacità, in un ambiente che gli è in qualche modo già noto, visto che hanno passato i primi 9 mesi della loro vita immersi nell’acqua della pancia di mamma.

I bambini inoltre, imparano ad andare sott’acqua senza paura, a tuffarsi e a divertirsi, in tutta sicurezza con l’assistenza di un istruttore, a sperimentare le loro capacità.

Per capire l’importanza del nuoto nella primissima età dei bambini, gli esperti si avvalgono di un’immagine estremamente chiara. Bisogna immaginare la vita sportiva di un bambino come una piramide di mattoni: alla base ci devono essere gli sport formativi per eccellenza, come appunto il nuoto o la ginnastica artistica, con queste basi i bambini potranno ampliare il loro bagaglio di competenze e conoscenze acquisite sperimentando altri sport. Potranno spaziare dal rugby al calcio alla scherma e via dicendo.

Noi aggiungiamo che c’è anche un grande beneficio di tipo pratico relativo alla sicurezza dei bambini: frequentare un corso di nuoto da piccolissimi – d’inverno - significa anche – in estate - giocare al mare, nell’acqua, da soli e con gli amici, in condizioni di maggior sicurezza.        

Fondamentale per la buona riuscita di un corso di nuoto è poi l’insegnante, come in tutti gli sport: sarà lui o lei ad indirizzare vostro figlio, nel modo migliore, verso l’acquisizione di nuove capacità e sicurezze.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
mamme/Bambini/nuoto-bambini-sport$$$Nuoto come un pesciolino
Mi Piace
Tweet