Scambiare i vestiti dei bambini  

Scambiare vestiti e oggetti per i bimbi (body, magliette, galosce, pantaloni, carrozzine e quant’altro) con le amiche e trovare in cambio altri oggetti utili, grazie al mercatino tra amiche.

di Ignica  - 13 Gennaio 2012

Chi di noi non ha in casa, negli armadi, in cantina, in un mini soppalco o a casa dei nonni, vestiti dei figli che ormai sono fuori misura, carrozzine che non si usano più, ovetti per la macchina ormai inutili, culle che non servono e invece, magari, sta cercando di comprare un lettino da bimbi senza spendere una fortuna, una tuta da sci senza lasciare lo stipendio, o semplicemente un piumino caldo ma bello?
L’ennesima chiacchierata tra mamme che si lamentavano di avere la casa stracolma di cose inutili: una desiderosa di comprare un apparecchio per la pappa ad un prezzo ragionevole, un’altra che si lamentava della quantità eccessiva di giocattoli della propria bambina, un’altra ancora a cui si era rotto il tiralatte manuale e ne voleva acquistare uno elettrico ma da usare solo per pochi mesi e… è subito nata l’idea: organizzare un mercatino di scambio di giocattoli, vestiti, oggetti tra mamme, per i bimbi e le mamme. Si comincia tra poche mamme e poi via, via la rete si allarga.
Del resto gli americani lo fanno orami da tempo immemore in una forma più rustica ma sempre efficace: prima di un trasloco o quando serve, fanno il famoso yard garage, aprono il loro garage e mettendo in vendita ad amici, vicini, conoscenti o semplice passanti quello che a loro non serve più.
Allora, alla faccia della crisi, liberiamoci di tutto ciò che non ci serve più, e cerchiamo di trovare ciò di cui abbiamo bisogno, spendendo poco ma comprando bene.
Perché il mercatino funzioni, basta rispettare poche ma semplici regole ed il gioco è fatto.  Numero uno: chiunque può scambiare ciò che ha in casa purché sia in buone condizioni e, rigorosamente, pulito! Numero due: le foto degli oggetti da scambiare devono essere ben visibili, così come la descrizione dell’oggetto deve essere semplice e chiara.
Ad ogni oggetto, deve essere riconosciuto un valore, espresso in sorrisi, o qualunque altro simbolo, secondo alcune regole chiare, trasparenti, uguali per tutti (ad esempio, un body in buono stato vale un sorriso, un passeggino leggero, 30 sorrisi..): se ne occuperà la responsabile degli scambi.
Il mercatino avrà inizio con una e-mail da inviare alle più care amiche contenente l’invito a partecipare al mercatino e la spiegazione del suo funzionamento: ognuno potrà inviare una e-mail con foto e descrizione degli oggetti da scambiare, da vendere ed acquistare e poi… via con gli scambi...Che ne dite?

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
mamme/Bambini/scambio-vestiti-bambini$$$Scambiare i vestiti dei bambini
Mi Piace
Tweet