Se il bambino non sa cavarsela da solo 

Sa fare tante cose da solo, ma all'improvviso ti dice: «Questo lo fai tu!». Come comportarsi?

di Silvia Calvi  - 27 Agosto 2008

Dai 3 ai 5 anni un bambino impara a fare tante cose da solo: lavarsi le mani, infilarsi le calze e le scarpe, mettersi la giacca. Eppure, di punto in bianco, capita che si rifiuti e chieda ancora l'aiuto della mamma. Come comportarsi? Ce ne parla Letizia Maduli, direttore dei Centri di psicologia emotocognitiva per l'infanzia.

Cosa fare

«Il bambino è ancora piccolo e può essere il capriccio di un momento: è bene tollerare queste piccole crisi. Però, mentre gli si dà una mano a vestirsi, si può cercare di ragionare su quanto sia più divertente riuscire a fare da soli». A volte, poi, conta il contesto: la presenza di un estraneo che lo intimidisce. O il fatto che, all'asilo, ha già dovuto fare tante cose senza l'aiuto della mamma. Così, una volta a casa, ha voglia di farsi coccolare un po'.

Cosa non fare

«No ai rimproveri che rimarcano il fatto che ormai dovrebbe cavarsela da solo o, peggio, che tutti i suoi compagni sono "più bravi di lui". In questo modo, infatti, invece di incoraggiarlo verso una maggiore autonomia, si rischia solo di farlo sentire inadeguato».

 

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
mamme/Bambini/se-il-bambino-non-sa-cavarsela-da-solo$$$Se il bambino non sa cavarsela da solo
Mi Piace
Tweet