Uno sport per bambini: il rugby 

«Il rugby, che si può praticare dai 6 anni in su, è perfetto anche per le bambine, perché salti e corse sottopongono lo scheletro a sforzi che rafforzano le ossa»

di Alessia Cogliati  - 15 Novembre 2008

Sbaglia chi dice che il rubgy sia uno sport solo da maschi. Le gare della Coppa Italia femminile (il prossimo appuntamento è il 7 dicembre in varie città italiane) appassionano sì tanti tifosi, ma anche moltissime tifose. Con l'aiuto di Italo Farnetani, pediatra sportivo, vediamo allora "pregi e difetti" di questa disciplina.

«Il rugby, che si può praticare dai 6 anni in su, è perfetto anche per le bambine, perché salti e corse sottopongono lo scheletro a sforzi che rafforzano le ossa» spiega l'esperto. «Un ottimo investimento sul futuro per le femmine che, da adulte, sono più esposte ai problemi di osteoporosi.

Consiglio questo sport anche ai bambini un po' timidi, perché il gioco di squadra li spinge a socializzare e a entrare in contatto con gli altri. E a quelli cresciuti in fretta e ancora un po' impacciati perché li rende veloci e rapidi nei movimenti».

«I ragazzini obesi dovrebbero preferire un'altra disciplina» dice Farnetani. «La scarsa agilità potrebbe farli sentire impacciati e scoraggiarli dal continuare con il rugby».

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
mamme/Bambini/uno-sport-per-bambini-il-rugby$$$Uno sport per bambini: il rugby
Mi Piace
Tweet