Il neonato vede, sente, annusa: ecco come stimolare i suoi sensi 

In un neonato sensi come il tatto e l'udito sono già sviluppati alla nascita. Altri, come la vista, hanno bisogno di più tempo. Manuela Trinci, psicoterapeuta dell'età evolutiva, spiega come i genitori possono stimolarli. Uno per uno

di Alessia Cogliati  - 06 Febbraio 2009

.In un neonato sensi come il tatto e l'udito sono già sviluppati alla nascita. Altri, come la vista, hanno bisogno di più tempo. Manuela Trinci, psicoterapeuta dell'età evolutiva, spiega come i genitori possono stimolarli. Uno per uno.

La vista

Un bimbo si riconosce nel viso della mamma. Se lei gli indica la propria bocca o le orecchie lo sprona a guardare con attenzione.

L'udito

Già nella pancia i piccoli sentono la voce dei genitori. Cantargli una canzoncina, allora, li rassicura. Mentre parlare loro incoraggia lo sviluppo del linguaggio già dai primi mesi.

Il tatto

Toccare la mamma è il passatempo preferito di un neonato. Così si sente "a casa". Più in là, i libri sensoriali con diverse carte e tessuti gli insegnano a capire il mondo con le mani.

Il gusto

La mamma deve favorire l'incontro con i sapori. Proporre al figlio tante pappe, di gusti e consistenze diversi, è quello che ci vuole.

L'olfatto

È il senso più sviluppato nei primi giorni di vita. E migliora con l'esperienza. Erbe come rosmarino e salvia dal profumo forte lo incuriosiscono e allenano a riconoscere gli odori.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
mamme/Fino-a-3-anni/il-neonato-vede-sente-annusa-ecco-come-stimolare-i-suoi-sensi2$$$Il neonato vede, sente, annusa: ecco come stimolare i suoi sensi
Mi Piace
Tweet