La prima visita ostetrica 

Hai scoperto di essere incinta, una delle prime cose da fare è prendere appuntamento con il ginecologo per il primo controllo. Come scegliere quello “giusto”? Cosa ti chiederà? Cosa dovrà controllare?

 - 09 Settembre 2011

La prima visita ostetrica serve a capire il tuo stato di salute generale e a verificare se sei in condizione di affrontare la gravidanza senza particolari problemi o se, invece, è opportuno da subito prendere alcune precauzioni. In particolare, il ginecologo ti chiederà informazioni sulla tua storia di salute e quella della tua famiglia, per verificare la preesistenza di particolari malattie, come il diabete, forme di anemia, malattie dell’apparato endocrino o di altro tipo. Verificherà poi lui stesso, consigliandoti eventualmente di rivolgerti ad un esperto di fiducia per approfondimenti, i rischi cromosomici o genici.

Il ginecologo controllerà poi il tuo peso e ti inviterà a non prendere più di un certo numero di chili, a seconda del tuo peso attuale e della tua struttura fisica, in genere per le donne normopeso, è opportuno non prendere mai più di 9 o 12 chili per tutta la gravidanza. Ti raccomanderà di seguire delle regole base: di mangiare in modo sano e nutriente ma leggero, privilegiando verdure e frutta di stagione, carni bianche e pesce, di evitare alcolici o comunque ridurli al massimo, di evitare il fumo, ridurre o eliminare del tutto il consumo di caffè. Il ginecologo ti prescriverà anche di fare alcune analisi del sangue per identificare il tuo gruppo sanguigno ed il fattore Rh ed altre, volte a controllare se già hai avuto alcune malattie come la rosolia (il rubeo-test), se sei immunizzata contro  la toxoplasmosi (il toxo-test), la quantità di emoglobina e di globuli bianchi e rossi nel sangue (emocromo), la quantità di glucosio (glicemia), il funzionamento del fegato (bilirubina e transaminasi), una eventuale carenza di ferro (sideremia e transaminasi) le quantità di ossigeno ed azoto presenti nel sangue (azotemia e creatinemia), nonché le analisi complete delle urine. Il tuo medico verificherà poi con estrema cura la posizione, la dimensione e la consistenza dell’utero, nonché la pressione. Ti consiglierà, secondo le linee guida dell’Oms l’assunzione di acido folico nel corso dei primi tre mesi di gravidanza.

La cosa più importante è poi che tu possa sciogliere molti dei dubbi e delle preoccupazioni che assalgono ogni mamma alla sua prima gravidanza: devi poterti sentire libera di domandare qualunque cosa al tuo medico, dai farmaci da assumere allo sport da poter fare, a dubbi sui rapporti sessuali in gravidanza. La scelta del ginecologo è quindi molto importante e deve essere fatta valutando oltre che la sua competenza “tecnica” anche la sua disponibilità ed umanità.  

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
mamme/Gravidanza/gravidanza-ginecologo$$$La prima visita ostetrica
Mi Piace
Tweet