Il papà in sala parto: istruzioni per l'uso 

Oggi quasi tutti i papà assistono al parto, ma non tutti sono preparati ad affrontare un'esperienza così coinvolgente ed emozionante. C'è chi sviene, chi si rifiuta, chi crolla prima della futura mamma... Ecco qualche consiglio per affrontare al meglio le ore in sala parto

di Alessandro Pellizzari  - 16 Dicembre 2009
 

Da vent'anni le sale parto italiane si sono aperte ai papà, ma ancora oggi varcare quella soglia, per un uomo, non è facile. Come comportarsi per essere d'aiuto alla neomamma e per godere del momento magico della nascita di un figlio? Qui i consigli di Fabiana Toneatto, capo ostetrica della Clinica S. Pio X di Milano.

1. Partecipate al corso pre-parto almeno qualche volta: è fondamentale per scacciare certe paure maschili, come quella del sangue.

2. Il travaglio potrebbe durare ore: no a essere digiuni. E, soprattutto, vestitevi comodi.

3. Se il travaglio va per le lunghe, fate un "cambio" con un parente e concedetevi una pausa.

4. In sala parto è vietata l'ansia: via l'orologio.

5. Durante il partotranquillizzate la vostra compagna. Ditele che va tutto bene, che è brava e supportatela nel ritmo della respirazione.

6. Aiutatela a cambiare posizione, ad alzarsi, a spingere, tenendole le mani o sorreggendola. Sarà faticoso, ma non datelo a vedere.

7. Non chiacchierate: spesso le future mamme hanno bisogno di intimità. Parlatele sussurrando.

Come si sta preparando il tuo compagno al lieto (ma impegnativo) evento?

Sarà in sala parto con te?

O preferisci il conforto di un'amica esperta o della mamma?

Se hai già figli ci racconti com'è andata?

Clicca qui per scrivere sul nostro forum

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
mamme/Gravidanza/il-papa-in-sala-parto-istruzioni-per-luso2$$$Il papà in sala parto: istruzioni per l'uso
Mi Piace
Tweet