Mamma che tacchi! 

Buone notizie per chi vuole essere sexy anche con il pancione: lo stiletto vertiginoso non è proibito.
Ma solo per due ore al giorno. Se si indossa più a lungo, il mal
di schiena è assicurato

di Laura D'Orsi  - 15 Ottobre 2008

Le dive con il pancione non perdono occasione per sfoggiare tacchi vertiginosi. Ma in gravidanza bisogna fare molta attenzione alle calzature.

«Dal secondo trimestre, il peso della pancia costringe a stare con il bacino in avanti e la schiena all'indietro» dice il ginecologo Claudio Ivan Brambilla. Di conseguenza, alcuni muscoli sono soggetti a una contrazione innaturale, che può infiammare le terminazioni nervose. Ecco perché è importante scegliere il tacco giusto.

«Il peso del corpo deve essere distribuito sul piede in modo bilanciato» spiega l'esperto. «L'equilibrio si ottiene con un tacco alto da 2 a 4 cm. Con misure superiori, l'80, 90 per cento del peso finisce sulle punte causando problemi alla schiena e rendendo instabile l'equilibrio, con il rischio di cadute».

Ma nemmeno con un tacco rasoterra si è al sicuro. Le ballerine, infatti, spostano il baricentro troppo indietro, aumentando la curvatura della schiena. E le zeppe? «Impediscono al piede di piegarsi correttamente» dice lo specialista. «Così si ostacola il ritorno del sangue venoso, la circolazione rallenta e le caviglie si gonfiano».

Questo non significa dire addio ai tacchi: qualche volta si possono indossare, ma non più di due ore consecutive.

 

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
mamme/Gravidanza/mamma-che-tacchi$$$Mamma che tacchi!
Mi Piace
Tweet