Quali contraccettivi usare 

Anche durante l'allattamento è bene essere vigili: non è detto che il periodo di infertilità prosegua molto a lungo. Il preservativo è spesso la soluzione migliore

di Laura D'Orsi  - 11 Maggio 2008

Anche se allatti, non abbassare la guardia sul fronte della contraccezione. È vero che la prolattina, l'ormone implicato nel processo della lattazione, tende a inibire l'ovulazione, ma non è una regola fissa. Parlane con il tuo ginecologo e fatti consigliare il metodo contraccettivo più adatto.

Esiste la possibilità di usare la pillola (la cosiddetta mini pillola), a base di soli progestinici che passano solo in ridottissime quantità nel latte e in ogni caso non sono dannosi per il bambino; le tradizionali pillole estroprogestiniche, invece, non sono compatibili con l'allattamento.

A due mesi dal parto si può ricorrere alla spirale; per chi preferisce il diaframma, dal momento che le misure interne sono cambiate, occorre un controllo ginecologico perché quello usato prima della gravidanza potrebbe non garantire più un efficace effetto barriera. Nell'immediato, il preservativo resta il metodo più pratico e sicuro.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
mamme/Torna-in-forma/quali-contraccettivi-usare$$$Quali contraccettivi usare
Mi Piace
Tweet