Adolescenti: a che età il primo viaggio da soli?

Credits: Shutterstock
1 5

TU AMI VIAGGIARE?
Il primo viaggio da soli: una tappa importante, che segna un ulteriore passo sulla strada dell'autonomia. Prova a masticare il concetto: già solo l'idea ti spaventa? Provare paura per le persone che amiamo è un'emozione naturale e certamente immaginare un figlio in un posto sconosciuto può dare ansia. Il mondo è fatto di pericoli… e anche di luoghi bellissimi, incontri speciali, persone gentili: sono tantissime, soprattutto quando noi ci comportiamo con gentilezza verso gli altri. Ecco il primo nemico da combattere: i nostri pregiudizi e le paure che confondono i rischi reali rispetto ai pericoli che sentiamo tali. Da un recente rapporto sullo Spazio economico europeo emerge che, a differenza degli italiani, nell'Europa del Nord si viaggia di più: sono più frequenti i viaggi da soli, donne comprese. Dalla Scandinavia al Regno Unito è prassi normale per i ragazzi fra 14-19 anni passare l'estate a lavorare in un Paese straniero, viaggiare insieme agli amici o per un'esperienza alla scoperta del mondo. Di frequente si inizia da bambini, con il campeggio o il campus estivo, già a 5-6 anni, nel momento in cui i piccoli si sentono pronti. Anziché attendere con ansia il momento in cui ti chiederà di poter partire senza di voi, inizia a lavorare sulle tue paure e rifletti su quale immagine del viaggio (e del mondo!) coltivi dentro di te.

/5

Come aiutare i figli a viaggiare e fare scelte intelligenti per la propria vita

Grazie a un'educazione consapevole è possibile allenare il senso di responsabilità e il pensiero critico. Diventare adulti significa imparare a fare scelte sulla base di nostri bisogni, ecco perché è importante stimolare i figli, fin da piccoli, all'ascolto delle emozioni.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te