Cyberbullismo: sappiamo difendere i nostri figli?

Credits: Shutterstock
1 4

Cos'è il cyberbullismo
Il cyberbullismo non è altro che mobbing e stalking messi insieme e attuati tramite l'uso dei media digitali. La vittima viene molestata, insultata, ridicolizzata e attaccata sui social network ma anche in privato tramite chat e sms.
I bulli individuano la preda che conoscono direttamente di persona tramite la scuola, il quartiere o qualche associazione e cominciano a offendere prima e minacciare e ricattare poi. Fanno pressing psicologico, le diffamano, le mettono alla gogna e diffondono dicerie sul loro conto. Chi ne è vittima può subire conseguenze molto gravi, come la perdita della fiducia in se stesso, stati di ansia e depressione.
Ciò che spesso comincia come un atto goliardico può trasformarsi in cyberbullismo senza grosse difficoltà: è infatti la percezione della vittima che fa sì che lo scherzo diventi persecuzione. Il cyberbullismo inizia laddove un individuo si sente importunato, molestato e offeso e raramente, tra i giovani, nasce con l'intento di demolire l'autostima di una persona, anche se purtroppo l'effetto è proprio questo.

Ma quali sono i segnali di tuo figlio che devono farti allarmare?
(Sfoglia la gallery)

/5

Il cyberbullismo è qualcosa che mette a dura prova il delicato equilibrio psicologico degli adolescenti. I segnali da non sottovalutare e come difendersi dai bulli informatici

La scuola, il parco, la sala giochi del paese, sono luoghi che dovrebbero favorire la socialità e la nascita di nuove amicizie che si sviluppano poi, anche non frequentandosi con regolarità, grazie alle nuove tecnologie che consentono di comunicare a distanza e con una certa frequenza.
I nuovi media, i social network soprattutto, non vengono però sempre usati in maniera corretta o con il fine di socializzare e consolidare amicizie ma vengono scambiati per piazze pubbliche dove mettere alla gogna ragazzi timidi, chiusi o con qualche difficoltà a relazionarsi e a integrarsi con il gruppo. Basta un pc, un tablet o anche solo uno smartphone perché, in pochi minuti, un'immagine o un video diffamatori facciano il giro della scuola prima e del web poi.
Il cyberbullismo è infatti un fenomeno molto grave perché rispetto al bullismo, riesce a danneggiare la reputazione delle vittime in un tempo notevolmente più breve e in una comunità molto più ampia perché innanzitutto i contenuti, una volta pubblicati, possono riapparire a più riprese in luoghi diversi e in secondo luogo, è difficile se non impossibile, cancellare le tracce di un video o di una foto che gira su internet.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te