Svegliaa! 

Le lancette segnano le 7: inizia la solita corsa contro il tempo per arrivare puntuali a scuola. Ma per velocizzare i gesti beauty dei più piccoli ci sono trucchi furbi che fanno risparmiare minuti

di Laura D'Orsi  - 09 Settembre 2010
 

La scuola sta per iniziare e, come ogni anno, ricomincia la gara mattutina con l’orologio per arrivare puntuali in classe. Il problema è che spesso i bambini non collaborano, anzi. Pare quasi lo facciano apposta a perdere tempo, soprattutto quando si tratta di lavarsi. Ma con qualche strategia risparmia minuti si può vincere a battaglia quotidiana contro le lancette.
Se si deve fare la doccia
Per accelerare i tempi, l’ideale sarebbe che il piccolo avesse già fatto il bagno o la doccia la sera prima in modo che, al mattino, con una lavata veloce è pronto. Ma non sempre si riesce a organizzarsi così e allora l’impatto con l’acqua subito dopo la sveglia può essere problematico.

«Per velocizzare l’operazione doccia,soprattutto quando occorre lavare anche i capelli, si può usare una manopolina colorata di spugna da passare rapidamente sul viso e sul collo e un doccia-shampoo, cioè un unico prodotto» dice la dermatologa Magda Belmontesi. «Questi tipi di detergenti fanno poca schiuma, hanno formule delicate e non bruciano gli occhi».
Per le bambine con i capelli lunghi, un suggerimento può essere quello dispruzzare prima dello shampoo, sulla chioma asciutta, un po’ di balsamo spray. Così, gli oli ei siliconi contenuti nel prodotto impediscono ai fusti di aggrovigliarsi ulteriormente durante il lavaggio e fanno scivolare meglio il pettine dopo. L'asciugatura poi, diventerà più veloce con un piccolo trucco: si avvolgono i capelli in un asciugamano e si tamponano, insistendo sulle punte.Poi si pettinano dirigendo l’aria tiepida del phon sulla nuca a partire dalle radici, fino a metà testa. Per procedere meglio, si può chiedere alla bambina di rovesciare la testa in avanti. In questo modo si evita che i capelli che stanno sotto rimangano bagnati e inumidiscano tutta la capigliatura.
Se si deve lavare viso e denti
Dopo la colazione, tutti a lavarsi viso e denti. Il piccolo non ci sente? La mamma potrà essere più convincente se farà l’operazione insieme a lui, ognuno con i propri prodotti. «Alcune linee cosmetiche specifiche per i bambini hanno confezioni invitanti e allegre. La scelta migliore è un detergente delicato non-sapone da risciacquare» dice Belmontesi. Simile il discorso per i denti.
Per invogliare i più pigri a lavarli con cura si possono usare spazzolini giocosi e dentifrici dai gusti golosi. E se si vuole dare più ritmo all’operazione, può essere divertente fare insieme il gioco della clessidra («Vediamo se riusciamo a lavarci prima che la sabbia sia finita») oppure usare una canzone come sottofondo e cercare di ultimare la pulizia insieme alla fine della musica. Se i bambini sono abituati a lavarsi il viso appena alzati, una buona idea è tenere a portata di mano delle salviette umidificate, per eliminare in velocità dalla faccia e dalle mani gli eventuali residui di colazione. Sono una soluzione utile anche per pulire le orecchie, senza rischi per il timpano. Basta passarle delicatamente sul padiglione e nel condotto uditivo senza entrare troppo in profondità.

Se si deve dare una mossa
Alcune mattine si trasformano in una corsa ancora più affannosa del solito. Per esempio può succedere di non sentire la sveglia o che un imprevisto faccia perdere tempo prezioso. Come rimediare per far sì che il bambino possa essere fuori casa in pochi minuti? Cotone e latte detergente sono quello che ci vuole per pulire velocemente il viso. Un’altra mossa taglia-secondi è fargli lavare le mani con i nuovi gel senza risciacquo, pratici e molto veloci. E se i capelli non sono proprio in ordine, una spruzzata di shampoo secco, da tenere sempre a portata di mano, può risolvere un’emergenza e dare volume alla chioma.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
mamme/back-to-school/Svegliaa$$$Svegliaa!
Mi Piace
Tweet