In pubblicità c’è posto per te 

Dietro al successo degli spot ci sono due figure inseparabili: l'art director e il copywriter. Professionisti esperti e molto ricercati

di Fabrizio Cortini  - 12 Aprile 2007

Ogni anno la pubblicità crea un giro di affari di 9.000 milioni di euro, destinato a crescere. E secondo il Ministero delle comunicazioni il 48 per cento degli italiani apprezza gli spot di casa nostra. Dietro a questo successo c'è il lavoro di una coppia di professionisti, il copywriter e l'art director. Il primo si occupa delle parole delle campagne, come gli slogan o le didascalie di una brochure. Il secondo sceglie e lavora le immagini selezionando e creando video o fotografie. Ma i due compiti si completano a vicenda, tanto che l'uno deve conoscere bene il lavoro dell'altro.

Così diventi copywriter

Per accedere a corsi di copywriting basta il diploma superiore. "Ma è necessaria una buona abilità nella scrittura" spiega Maurizio Sala, direttore creativo della prestigiosa agenzia Armando Testa. "Infatti servono stili e linguaggi diversi, a seconda del marchio da lanciare".

A chi vuole farsi un'idea del mestiere, la Scuola Holden di Torino (tel. 0116632812, www.scuolaholden.it) propone un corso on line di cinque lezioni, con un tutor che si occupa della correzione delle esercitazioni pratiche. Il costo è di 336 euro e ci si può iscrivere in qualsiasi momento dell'anno.

Il corso serale in Art  Direction e Copywriting, organizzato dall'Istituto Europeo di Design (tel. 067024025, www.ied.it)  è la soluzione ideale per chi lavora. Le lezioni si svolgono due volte alla settimana, per un totale di 60 ore, e il costo è di 1.200 euro.

Le opportunità di impiego

"Il primo passo da fare per entrare in questo settore è uno stage in agenzia, dove si viene affiancati a un esperto" consiglia Maurizio Sala. L'elenco delle più importanti, diviso per regioni, si trova su www.clubpmi.it/comunicazione/agenzie_pubblicitarie.htm. Un aiuto in più arriva dalla community Creathead (www.creathead.it): qui c'è la possibilità di mettere on line una  vetrina dei propri lavori, che sarà poi consultata dalle agenzie.

Così diventi art director

"Fantasia e senso estetico sono doti indispensabili per chi sogna un lavoro da art director" precisa Giuseppe Mastromatteo, art director dell'agenzia Lorenzini, D'Adda, Vigorelli, BBDO. "Ma bisogna conoscere tecniche e programmi di computer grafica". Che si imparano grazie a corsi post diploma.

Ha durata triennale il master della Accademia di Comunicazione di Milano. È molto pratico e gli studenti vengono poi direttamente segnalati alle aziende. La retta varia dai 3.600 ai 9.600 euro l'anno, in base al proprio reddito (tel. 02230061, www.hdemia.it).

Il corso biennale in Grafica, Art Direction e Web Design del Centrostudi Comunicazione Cogno Associati, di Roma (tel. 0639 388853) è per chi ha una laurea triennale. Parte il tre ottobre e costa 5.000 euro l'anno.

Le opportunità di impiego

"Un buon modo per farsi conoscere è partecipare ai contest, cioè i concorsi per i giovani creativi" dice Mastromatteo. Come l'Adci Awards, organizzato ogni anno da Art Directors Club Italiano (www.adci.it). Infine, i guadagni di copywriter e art director: durante gli stage sono sui 300, 600 euro mensili, ma aumentano fino ai 1.200 con un contratto a progetto. Per salire a 1.500 al mese quando si viene assunti.

Ecco una buona occasione per chi ama il mondo della pubblicità

Il consorzio Poli.design del Politecnico di Milano (tel. 02 23995911) organizza il master annuale in art direction e copywriting. È previsto uno stage di tre mesi nelle agenzie. Le iscrizioni sono aperte fino al 24 aprile e il costo è di 13.000 euro. Ma fra chi si presenterà con questo articolo, verrà scelta una persona a cui sarà garantita una borsa di studio per metà delle spese.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
mamme/maternita-e-lavoro/in-pubblicita-ce-posto-per-te$$$In pubblicità c’è posto per te
Mi Piace
Tweet