• Home -
  • Mamme-
  • Perché non vuoi un figlio? La domanda da non fare

Perché non vuoi un figlio? La domanda da non fare 

Una mancanza di delicatezza che può ferire e non andrebbe mai chiesta. Leggi qui la storia di tre donne. E di come rispondono a chi invade il loro privato

di Cristina Sarto

Sentirsi chiedere quando arriverà un bambino «fa più male a chi ha un passato di tentativi falliti rispetto alle donne che, invece, di bambini hanno deciso di non averne»  dice Nicoletta Suppa, psicologa e psicoterapeuta. «Ma è una domanda che  mette in difficoltà tutte, perché fa emergere un  dilemma complesso e, spesso, ancora irrisolto, che può coinvolgere anche  le dinamiche di coppia. Per esempio, una donna ha deciso che un figlio  non lo vuole, ma si sente in colpa nei confronti del partner a cui non  dispiacerebbe allargare la famiglia... Un’eventuale infertilità, poi,  mina nel profondo l’autostima femminile».

È normale che la reazione più diffusa sia quella di chiudersi a riccio, cercando di parare il  colpo con delle mezze spiegazioni. «Invece bisogna tagliare corto,  dicendo solo che per ora il bambino non è arrivato» consiglia l’esperta.  «Mai giustificarsi, perché oltre a sdoganare l’invadenza altrui, equivale ad ammettere di essere in difetto: è un messaggio sbagliato nei confronti di se stesse e c’è il rischio di uscirne indebolite». Ecco le storie di tre donne che devono convivere con questa domanda. E un consiglio per chi non  riesce a tenere a bada la lingua: prima di farsi prendere dalla  curiosità, meglio contare fino a dieci.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
mamme/perche-non-volere-figli$$$Perché non vuoi un figlio? La domanda da non fare
Mi Piace
Tweet