Compiti per le vacanze: le alternative al libro

  • 1 4
    Credits: Shutterstock

    Sui compiti a casa e sui compiti delle vacanze è stato detto molto. L'Italia è il Paese Europeo in cui gli studenti trascorrono più tempo facendo i compiti a casa, compresi quelli delle vacanze.
    C'è chi sostiene che gli esercizi siano inutili e che per tenere la mente in allenamento, durante le vacanze, si dovrebbe ricorrere ad attività esercizi non convenzionali eseguite all'aria aperta, chi pensa che la noia dell'estate sia il miglior esercizio creativo. C'è, invece, chi sostiene che i compiti delle vacanze siano essenziali.
    Vediamo come trovare delle alternative valide al libro delle vacanze.

  • 2 4
    Credits: Shutterstock

    Allenare il cervello senza fare i compiti delle vacanze
    Se proprio tuo figlio si ribella ai compiti delle vacanze, inutile stressarlo o costringerlo, perché probabilmente otterrai l'effetto contrario. Ci sono piccole azioni che possono aiutare i bambini a tenere in allenamento la mente, a esercitarsi su quanto appreso durante l'anno senza però sembrare legati alle attività didattiche eseguite a scuola.
    Ecco 5 esempi:  
    1. Usa i siti di giochi on line o scarica app che gli facciano fare esercizi di logica come rebus, sudoku, anagrammi o parole crociate.
    2. Come se fosse un gioco da fare insieme, fagli tenere un diario delle vacanze, una pagina al giorno da scrivere sarà un ottimo allenamento.
    3. Fate insieme delle ricerche sulla flora e sulla fauna del posto che state visitando, magari corredando i testi con foto o campioni di foglie raccolti.
    4. Leggere, ovviamente, è l'attività da non trascurare mai e sotto l'ombrellone, soprattutto nelle ore più calde in cui non potranno prendere il sole, un bel libro potrà tenere loro compagnia.
    5. Visitate musei e siti archeologici nella zona in cui state soggiornando facendo attenzione alle spiegazioni della guida.

  • 3 4
    Credits: Shutterstock

    Le schede didattiche al posto del libro delle vacanze
    Il libro delle vacanze, con la sua impostazione rigida e l'impaginazione, può ricordare i testi scolastici e portare i bambini a scoraggiarsi ancora prima di cominciare. Un'alternativa molto valida sono le schede didattiche da scaricare e stampare. Sono meno monotone e con un po' di organizzazione (un raccoglitore e un calendario delle materie da studiare) si possono utilizzare schede sempre diverse con impostazioni diverse e rendere così i compiti delle vacanze più dinamici.
    Ma dove trovare le schede didattiche? Il web è pieno di siti, vediamone qualcuno...

  • 4 4
    Credits: Shutterstock

    Dove trovare le schede didattiche da stampare
    I siti da cui scaricare le schede didattiche per i bambini sono tantissimi ma alcuni sono curati da maestre e, per questo, sicuramente hanno materiale più di qualità:
    Lannaronca: è un sito dove la grafica non è particolarmente accattivante, ma di contro vanta un'enormità di contenuti validi.
    Maestra Mary: in questo caso la grafica attirerà i bambini tanto da farli sentire su un sito di giochi e non di contenuti scolastici.
    A tutta scuola: adatto sicuramente a bambini un po' più grandi, ha una grafica molto essenziale ma una grande varietà di contenuti.

/5

La scuola finisce ma i compiti restano, soprattutto quelli delle vacanze: ma esistono delle alternative?

I compiti per le vacanze vengono considerati un modo per tenere in allenamento il cervello dei bambini durante il periodo di vacanze più lungo dell'anno. Un modo per trasformare le conoscenze in competenze e magari colmare anche qualche lacuna prima di iniziare il nuovo anno scolastico.
Il problema è che i compiti delle vacanze vengono presi diversamente da ogni bambino. Alcuni di loro si buttano a capofitto nel nuovo e colorato libro, altri invece associano il libro delle vacanze al lavoro eseguito durante l'anno e, per questo, non ne vogliono proprio sapere.
In questo caso, è preferibile cercare di proporre al bambino delle alternative per farlo esercitare senza fargli pesare i momenti di studio trasformandoli in momenti di gioco.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te