Una piccola festa a sorpresa 

Tuo figlio riceve i suoi amichetti. Non era previsto e già ti immagini il caos. Ma con le mosse giuste, tutto andrà benissimo

di Patrizia Gucci  - 21 Novembre 2007

Una mia amica aveva invitato gli amichetti del figlio ad andare un sabato tutti insieme al cinema. Ma, al mattino, il bambino si è alzato con il mal di gola. Certo, non poteva uscire. Ma come non deluderlo? Da giorni il piccolo pregustava la gioia di quel pomeriggio insieme ai suoi compagni. Così la mia amica, in poche ore, ha improvvisato una festicciola in casa. Vi racconto come si è organizzata e ha affrontato questo tipo di imprevisto. Che può capitare, perché nei mesi invernali è facile darsi appuntamento con i bimbi ai giardinetti, ma poi piove e all'ultimo momento non si può andare fuori.

Si parte dalla stanza
Per creare un'area in cui i bambini possano muoversi liberamente, si addossano al muro i mobili del salotto o della cameretta del figlio e si tolgono dalla stanza gli oggetti ingombranti. Vi suggerisco di appendere un cartello sulla porta con scritto "Stanza dei Giochi". È un particolare importante: fa sentire i piccoli in uno spazio tutto loro.

La scelta dei giochi
Prima che arrivino i piccoli ospiti, è meglio decidere come intrattenerli. Così è più facile tenere la situazione sotto controllo. Se si lasciano i bambini liberi di fare quello che desiderano, è possibile che si crei il caos. Nella scelta dei giochi da proporre agli invitati, è bene coinvolgere vostro figlio. Ma se lui sceglie la playstation o gli piacerebbe fare Tarzan, fatelo ragionare. Con un po' di spazio a disposizione, Mosca cieca o una Caccia al tesoro appassionerà lui e i suoi amici. Per avere altre idee, può essere d'aiuto consultare un libro dell'editore Salani: Il giardino dei giochi dimenticati, Manuale di giochi in via di estinzione di Niccolò Barbiero.

Ci vuole un teatrino
Per evitare che i piccoli si rincorrano, si può improvvisare un teatrino. Per esempio, il papà legge una fiaba e la mamma la anima con i burattini. E ancora, la mamma suona uno xilofono o delle piccole percussioni, e il papà si occupa delle luci, puntando una lampada sulla scena del teatrino. Poiché ai bambini piace molto imitare quello che vedono fare ai grandi, si possono preparare degli spiccioli da distribuire tra i piccoli e dei fac-simile di biglietti d'ingresso. Poi, prima che prendano posto per assistere allo spettacolo, fare finta di venderglieli. Troveranno divertente pagare, proprio come i grandi.

Che bel concerto
Cosa suonare tutti insieme? Le pentole, per esempio, con cucchiai o forchettoni in legno, quelli che usiamo per girare la pasta. Ma dovete essere degli ottimi direttori d'orchestra e fare rispettare un ritmo, non pestare a caso sui tegami. Il segreto è che un bimbo, prima di battere, conti fino a due, un altro fino a tre e via così. Il concerto di percussioni li entusiasmerà.

E ora la merenda
È meglio che sia varia, così da dare ai piccoli soluzioni diverse. Credetemi, ai bambini piace scegliere tra panini con la nutella, al prosciutto o con la mortadella. Poter decidere li fa sentire più grandi di quello che sono.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
mamme/una-piccola-festa-a-sorpresa$$$Una piccola festa a sorpresa
Mi Piace
Tweet