Abbiamo intervistato per voi Enzo Miccio!

di Paola Toia  -  09/02/2011

Da quando è sbarcato su Discovery Real Time ce ne siamo tutte innamorate: è Enzo Miccio, che abbiamo intervistato per scoprirne i segreti

Abbiamo intervistato per voi Enzo Miccio! Da quando è sbarcato su Discovery Real Time ce ne siamo tutte innamorate: è Enzo Miccio, che abbiamo intervistato per scoprirne i segreti 512291
    • Enzo Miccio

    Il corso per aspiranti Wedding Planner tenuto da Enzo Miccio, per la prima volta a Roma, lo scorso weekend è stato un successone. Tanto che ne è già stato organizzato un altro all'Hotel Parco Dei Principi di Roma dal 5 all'8 marzo 2011 (info su www.wedding.publiglobe.it).

    Ed è in questa occasione che, uno degli organizzatori di matrimoni più famosi in Italia, si è raccontato.

    Ecco cos'ha risposto alle nostre domande.

       

    Perché hai deciso di dedicarti ai matrimoni e come hai iniziato?

     

    Faccio matrimoni da undici anni. Ho iniziato per caso, ho fatto un primo matrimonio nel lontano 1999 e dopo ho affiancato una carissima persona che stava organizzando il matrimonio di sua figlia e aveva bisogno di un consulente per diverse scelte: la scelta dell'abito, di una location, un progetto scenografico ecc. Questo è stato il mio battesimo ufficiale. Si trattava per la prima volta di lavoro, non era più il matrimonio fatto all'amica o alla cugina, era un vero e  proprio incarico. Da allora son passati unidici anni e quella professione è ormai diventata la mia vita. Per me non c'è più distinzione tra vita privata e professionale. C'è una fusione totale tra le due, perchè questo è l'unico modo che mi permette di dare la totalità alle mie spose che sono molto esigenti e si aspettano da me tantissimo e mi affidano il loro giorno più bello. E' una vita di sacrifici che faccio con grande gioia.

     

    Che consigli dai alle wedding planner in erba?

     

    Di studiare e di non improvvisarsi, di cercare di far formazione il più possibile. Per questo motivo ho deciso di iniziare a fare il docente. Da due anni faccio corsi a Milano e, adesso grazie alla Publiglobe, per la prima volta a Roma. Penso che l'unico modo per arricchire la nostra figura professionale, per renderci agli occhi degli altri credibili sia la professionalità. Occorre conquistarci la fiducia delle spose con il lavoro. Siccome mi ero accorto che sul mercato c'erano molte persone con poca esperienza, che si approcciavano a questo lavoro in maniera superficiale dando ai clienti un prodotto mediocre, ho deciso di partire con un progetto di formazione per far capire cosa significasse davvero fare wedding planner. Il  messaggio che arriva dal mio programma televisivo non riesce a riassumere in 50 minuti tutto ciò che c'è dietro a questa professione. La tv punta di più sull'aspetto spettacolare dell'evento, ma fare il wedding planner è molto altro, è un lavoro di responsabilità.

     

    Da dove prendi lo spunto per gli allestimenti che crei?

     

    La creatività non si può comandare o domare. Ci sono momenti in cui non mi vengono idee poi magari mentre passeggio, vedo un film, vado a teatro o semplicemente sfoglio un libro mi viene l'illuminazione. La cosa importante è fermarla subito su carta perchè io ho una memoria terribile e potrei dimenticarmene! Per questo motivo viaggio sempre con fogli e penna. Mentre se si parla di progetti personalizzati l'idea viene sul posto. Io vado sempre a fare sopralluoghi due, tre volte, in diverse ore del giorno e della sera. Cerco di sognare ad occhi aperti pensando a come quella location possa trasformarsi il giorno delle nozze. Poi molto dipende anche da cosa chiedono i clienti, dalle loro esigenze e dal tipo di matrimonio che hanno intenzione di fare.

       

    Qual è secondo te l'elemento più importante ed immancabile nel look della sposa?

       

    Sicuramente il velo. La magia dell'ingresso in chiesa con una sposa velata è impagabile. E' la ciliegina sulla torta. Qualcuna ne vuole fare a meno, altre vogliono fare le anticonformiste, altre ancora preferiscono il velo corto, però devo dire che sta nuovamente prendendo piede. C'è stato un periodo in cui se ne vedevano molti meno ma adesso, per fortuna, sta tornando la vecchia tradizione.

    Oggi il bon ton e la tradizione hanno lasciato spazio a nuove usanze. Qual è l'elemento della tradizione secondo te imprescindibile?

    Bisogna fare un netto distinguo tra cerimonia e ricevimento. Se si opta per un matrimonio tradizionale, classico, in chiesa io sono per il rispetto del luogo che ci ospita, del luogo di culto, e quindi io prediligo la sobrietà. Per il ricevimento posso essere più disponibile ad eccessi e stravaganze. Certo, non mi piace lo strafare a tutti i costi, il “famolo strano”. Mi piace l'innovazione, mi piace la raffinatezza, mi piace l'azzardo di due colori diversi, mi piace osare con tessuti particolari e, soprattutto, mi piace la dinamicità. Il matrimonio è stato sempre considerato un evento pesante. La gente si stanca, si stufa di stare a tavola per ore. Per questo nell'organizzazione la dinamicità è fondamentale. Io suggerisco di fare un aperitivo un po' lungo, una cena a tavola veloce e un bellissimo dopocena intorno ad una torta scenografica.

       

    Come vivi la notorietà?

     

    Con una grande mia gioia personale interiore ma anche con grande serenità. Ogni volta che una persona mi ferma per strada ne sono felice, avrei voglia di abbracciarli tutti e ringraziarli. Il successo per me non è stato premeditato, studiato a tavolino. E' arrivato senza aver costruito nulla per farlo arrivare, insomma con naturalezza. Io sono esattamente quello che si vede in televisione. Non ho un personaggio da recitare, non sono un presentatore ma sono un professionista che presenta il suo prodotto e quindi probabilmente la gente mi ama perchè si accorge della mia autenticità. Su Sky non presento un programma ma do suggerimenti, gioco con le persone, suggerisco cosa sarebbe meglio fare per diffondere un po' di buon gusto visto che ne abbiamo tanto bisogno, è un raggio di luce in questo grigiore!!!

    © Riproduzione riservata

  • Tag: 
Abbiamo intervistato per voi Enzo Miccio!
133668

di x

Vota

rispondi

di x

Vota

Attendere prego
avatar

matrimonio/intervista-enzo-miccio$$$Abbiamo intervistato per voi Enzo Miccio!
 
Mi Piace
Tweet