• Home -
  • Moda-
  • Scopri la geisha che c'è in te

Scopri la geisha che c'è in te 

La moda è pervasa da un Oriental mood che invita a tirar fuori la più antica arte della seduzione. Con una giacca kimono, una cintura Obi, una fantasia Ming

di Maristella Campi  - 15 Maggio 2006

Dopo aver visto Memorie di una geisha, tratto dalla storia di amore, seduzione e dolore scritta da Arthur Golden sullo sfondo di un Giappone drammatico e oscuro, ho osservato il mio guardaroba con occhi nuovi: non perché avessi sentito la voglia irrefrenabile di trasformarmi in una geisha del Novecento trapiantata nel nuovo millennio e, per giunta, nel cuore dell'Europa, ma perché mi sono sentita pervadere da quel sottile e seduttivo flair d'Oriente che ha aleggiato sulle passerelle delle sfilate durante la presentazione delle collezioni per la primavera e l'estate.

L'Oriente, si sa, è da sempre una fonte inesauribile di ispirazione: dalla Cina, sempre più vicina, al Giappone, l'asse Pechino-Shangai-Tokyio regala forti emozioni, solletica infinite curiosità, stimola la voglia di ricerca. Anche in fatto di couture: così ci troviamo a rubare a quel mondo così lontano tagli, colori, fantasie e accessori per mescolarli e trasformarli in una moda tutta nostra. Una moda "fusion & confusion", che invita a fondere Oriente e Occidente, il cinese con il giapponese, facendo volutamente confusione tra le diverse tradizioni e le diverse culture. Partendo dal kimono, abito tradizionale giapponese che ha la sua origine in Cina.

Quello che gli stilisti ci hanno insegnato è che osare si può, mixare anche. Libera la fantasia e volgi lo sguardo verso Est, dove sorge il sole. Basta scegliere gli elementi giusti per inventare un Oriental look su misura per te. Come la cintura Obi (fusciacca in tessuto o in pelle leggera), da avvolgere più volte attorno alla vita prima di stringerla sulla schiena, perfetta su una camicia bianca. Come la giacca a kimono, dalle linee diritte e geometriche, con la maniche larghe che si fermano al gomito. Come le miniature rubate ai vasi in porcellana della dinastia Ming. Come il rosso lacca o il blu China che danno materia a sete, shantung e taffetà croccanti. Come le stampe di orchidee, i ricami di farfalla o i disegni di ciliegi in fiore. Come i luccichii dorati del dragone incrostato sui jeans. Come i broccati bizantini percorsi da fili gold e silver. Con la voglia di far emergere, anche solo per un attimo, la geisha che c'è in te.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
moda/scopri-la-geisha-che-c-e-in-te$$$Scopri la geisha che c'è in te
Mi Piace
Tweet