Le forme del blazer

Credits: Lorenzo Nardi
1 9

Il blazer lungo

Scende oltre i fianchi e grazie ai revers allungati slancia la silhouette. Sta bene con gli shorts e la minigonna.
Blazer di tessuto jaquard (Intropia, 365 euro, tg. 38-46), top smanicato (Cividini, 310 euro, tg. 40-46), shorts con elastico in vita (Edithmarcel, 168 euro, tg. S-L).

/5

Sportivo, in stile smoking, oversize: i mille volti di uno dei capi più versatili del guardaroba

Il blazer è la giacca maschile per eccellenza. Dagli anni Ottanta è entrata di diritto nel guardaroba femminile, è diventata meno rigida e strutturata, ha imparato a seguire le curve e oggi è uno dei capi di abbigliamento più amati delle donne.
Ecco in sintesi i suoi pregi.

1. È pratico. Si stira e si lava una volta a stagione, sta bene sotto il cappotto ma se non fa troppo freddo, se la cava benissimo anche da solo come capospalla.
2. Si adegua a tutte le figure, dalle androgine alle curvy.
3. È l'ideale al lavoro perché garantisce un aria curata e autorevole.
4. Aggiunge eleganza a qualsiasi pezzo base, dalla T-shirt alla camicia, al pull, all'abito.
5. È trasformista. Può essere lungo, corto, micro, oversize, di jeans o di maglia senza perdere la sua identità. Più femminile di così!

Guarda nella gallery i modelli più nuovi e originali e scopri come indossarli.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te