del

Comunicato sindacale

Vota la ricetta!

II siti Internet aderiscono all'astensione dal lavoro proclamata dalla FNSI venerdì 29 settembre e giovedì e venerdì 5 e 6 ottobre 2006

II siti Internet aderiscono all'astensione dal lavoro proclamata dalla FNSI venerdì 29 settembre e giovedì e venerdì 5 e 6 ottobre 2006

Un caffè con Donna Moderna

La Federazione Italiana Editori Giornali respinge oggi con una nota la sollecitazione del Ministro del Lavoro Cesare Damiano a riprendere il negoziato con il Sindacato dei Giornalisti. Una posizione incomprensibile e brutale che non tiene in nessun conto le reiterate disponibilità al dialogo senza pregiudiziali espresse dalla Fnsi.

Il Sindacato dei Giornalisti ha legittimamente presentato una piattaforma rivendicativa con richieste salariali e normative, come è sempre avvenuto nella storia delle relazioni sindacali tra le parti. La Fieg ha a sua volta presentato una piattaforma contenente 45 proposte peggiorative del contratto, che mirano a ridurre di quasi il 30 per cento lo stipendio dei giornalisti ed a sostituire il lavoro dipendente con tutte le forme possibili di precariato e di informazione prodotte all'esterno delle redazioni.

Non solo, la Fieg blocca anche la riforma della previdenza dell'Inpgi e la delibera di abbattimento contributivo per la riassunzione dei colleghi disoccupati e impedisce persino un confronto sereno sul diritto d¹autore proposto dal Governo. Una posizione assurda, che rischia di inasprire ulteriormente la vertenza.

Rispondiamo con gli scioperi e con altre iniziative di mobilitazione a livello nazionale e aziendale. Abbiamo la coscienza di aver fatto tutto il possibile per evitare uno scontro, che danneggia le aziende e l'informazione nel Paese. Il Governo, ed in particolare il Ministro del Lavoro, che ha assunto una positiva iniziativa ed ha preannunciato un tavolo congiunto, valuterà la posizione degli editori.

La Fnsi dice sì alla ripresa delle trattative ed è disposta a partecipare a un tavolo convocato dal Ministro, nonostante lo schiaffo che la Fieg ha dato al buon senso e agli stessi interessi editoriali.

Roma, 25 settembre 2006

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna