Preparati alla fiction cult “1993”

Credits: Stefano Accorsi nei panni di Leonardo Notte
/5
di

Elisabetta Colangelo

Arriva il nuovo capitolo della trilogia dedicata alla fine della Prima Repubblica. Con Stefano Accorsi e Tea Falco

Il 1993 è stato l’anno dei processi di Mani pulite, della caduta di Bettino Craxi e del Psi, degli attentati mafiosi di Firenze, Roma e Milano. Ed è il titolo del secondo capitolo della serie su Tangentopoli (in onda su Sky Atlantic dal 16 maggio, il martedì alle 21,15). La trilogia, iniziata con 1992, racconta la fine della Prima Repubblica e si concluderà con 1994.

1993, la serie: le foto del cast

  • 1 5
    Credits: Tea Falco (Bibi Mainaghi)
  • 2 5
    Credits: Domenico Diele (Luca Pastore)
  • 3 5
    Credits: Antonio Gerardi (Antonio Di Pietro) e Domenico Diele (Luca Pastore)
  • 4 5
    Credits: Laura Chiatti (Arianna)
  • 5 5
    Credits: Guido Caprino (Pietro Bosco)

La fantasia

In 1993 ritroveremo i 5 protagonisti di 1992 affiancati dai personaggi ispirati alle reali figure di spicco dell’epoca. Il pubblicitario Leonardo Notte (Stefano Accorsi) prosegue la sua ascesa sognando la politica insieme a un nuovo amore, Arianna (la new entry Laura Chiatti). «Cambieranno le carte in tavola, ma lui resterà se stesso: un disilluso che ha deciso di puntare solo alla libertà che gli arriva dal denaro. E continua a far prevalere il suo istinto di sopravvivenza» dice l’attore. La soubrette Veronica (Miriam Leone) riesce a entrare al Maurizio Costanzo Show ma poi finisce coinvolta nell’attentato di via Fauro a Roma. Il leghista Pietro Bosco (Guido Caprino) è sempre più immerso nella vita politica, mentre il poliziotto sieropositivo Luca Pastore (Domenico Diele) si gioca il tutto per tutto al fianco del pm Antonio Di Pietro (Antonio Gerardi). E Bibi Mainaghi (Tea Falco), figlia di papà che si ritrova alla guida dell’azienda di famiglia, è costretta ad aprire gli occhi sui lati oscuri del potere. «1993 sarà più bello di 1992» assicura l’attrice. «Dal punto di vista fotografico e stilistico».

La realtà

Nella serie gli autori raccontano storie di fantasia «rispettando lo sfondo storico, eppure la finzione a volte consente di dire cose più vere della realtà» sottolinea Accorsi. Per chi volesse ripercorrere le vicende reali di quel periodo, sempre il 16 maggio alle 23,15 su History va in onda lo speciale 1993 – L’anno del giudizio, realizzato con filmati d’archivio e interviste ai protagonisti di allora.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te