del

Anche Michelle prende i due di picche

di Moreno Pisto
Vota la ricetta!

Da Ezio Greggio a Pippo Baudo. Nei prossimi cinque mesi la Hunziker avrà quattro partner sul lavoro. Per la serie: l'ironia della sorte. Perché gli affari di cuore non vanno granché per lei. Che dagli uomini ha ricevuto due "no"

Da Ezio Greggio a Pippo Baudo. Nei prossimi cinque mesi la Hunziker avrà quattro partner sul lavoro. Per la serie: l'ironia della sorte. Perché gli affari di cuore non vanno granché per lei. Che dagli uomini ha ricevuto due "no"

Un caffè con Donna Moderna

Nel futuro di Michelle Hunziker ci sono quattro uomini. Nell'ordine: Ezio Greggio, con cui condurrà Striscia la notizia (dal 25 settembre su Canale 5); Gerry Scotti, che affiancherà a Paperissima (dal 6 ottobre, sempre su Canale 5); Pippo Baudo, con cui presenterà il Festival di Sanremo (a febbraio su RaiUno). E, per finire, un partner misterioso: deve essere ancora scelto, infatti, il protagonista maschile con cui la Hunziker si esibirà a teatro nel musical Cabaret (dal 1° febbraio in tournée). «Cambierò compagno come cambio le mutande» scherza Michelle. «Ma solo sul lavoro!». E in amore? Dopo la tempesta dell’estate 2005, quella, per chi non lo ricordasse, della rottura con Marco Sconfienza, della storia lampo con Salvatore Passaro e dei litigi a mezzo stampa con l’ex marito Eros Ramazzotti, adesso c'è la quiete.

Davvero? Neanche un'avance?

«Vuoi sapere la verità? In un anno ho preso ben due “due di picche”».

Non ci credo.

«La prima volta ho scoperto che l'uomo che mi piaceva era gay (scoppia a ridere). È stata una delusione atomica. Quando l'ho conosciuto, non me ne sono accorta: eravamo insieme ad altre persone, lui mi intrigava sia fisicamente sia di testa. E poi era galante, pieno di attenzioni. Così, a un certo punto, mi sono sbilanciata e l’ho invitato: vuoi venire a cena con me?».

E lui?

«Mi ha risposto: “No”. Mi sono fatta mille paranoie: ma come? Ma perché? Poi ho scoperto la verità».

E il secondo “due di picche”?

«Me lo sono preso da un ragazzo che ha più o meno la mia età. Ma che, al contrario di me, deve ancora trovare la sua strada. Uno dai troppi “se” e troppi “ma”: diceva che non poteva darmi quello a cui sono abituata. Peccato che io non ragioni così».

E quindi sei rimasta single.

«Esatto. Però non voglio fare la vittima: prima o poi l’uomo ideale arriverà. Ho solo 29 anni, santo signore!».

Scusa, da quanto non fai l'amore?

«Da quando non ho un fidanzato, cioè dall'estate dell'anno scorso. Se una persona non la amo, non riesco nemmeno a baciarla. Figuriamoci andarci a letto! E anche quando sono innamorata non è che mi conceda subito».

Come si sta senza sesso?

«Si sta... Dico solo che vorrei innamorarmi di nuovo».

Di chi?

«Di un uomo che mi apra la portiera quando scendo dalla macchina, che mi corteggi, che mi sorprenda (Alza la voce). Insomma, anch'io sono una donna!».

Com'è fisicamente il tuo lui ideale?

«Non conta. Posso impazzire per uno che per il resto del mondo non è bello, ma che io, per un motivo o per l'altro, trovo irresistibile».

Non potrebbe essere ancora Eros?

«Lo escludo. Siamo i genitori di una splendida bambina di 9 anni, Aurora. E, anche per il suo bene, abbiamo recuperato un bellissimo rapporto. Ma questo è tutto, tra noi non c'è altro».

Quali sono le regole base che un uomo deve rispettare per vivere con te?

«Prima: mai presentarsi a tavola a torso nudo. Seconda: la pulizia prima di tutto. Pretendo due docce al giorno, una la mattina e una prima di andare a dormire. Il patto è questo: io ti faccio trovare le lenzuola profumate tutte le sere e tu non entri nel mio letto se sei ancora puzzolente dopo una giornata di lavoro».

Pigiama o boxer?

«Se ha il fisicone, può dormire anche nudo. Se è un po' buzzicone, gli concedo di infilare il pigiamino».

In televisione, comunque, i partner non ti mancheranno: lavorerai con Greggio, Scotti e Baudo. Descrivimi ognuno con una parola.

«Ezio è un ariete: arriva sempre dove vuole arrivare. Scotti è un paciocchino: con quel suo faccino, oddio faccino, con quel suo faccione ispira dolcezza. E Pippo è... er meglio».

Gli uomini, si sa, vanno presi per la gola. Cosa cucineresti a loro tre?

«A Ezio, l'ultima volta che è venuto a casa mia, ho fatto gli spaghetti al pomodoro: ha apprezzato molto. Con Gerry il piatto unico non basta: chiamo un catering, perché mi sa che devo portare in tavola antipasto, primo, secondo e dessert. Per Pippo mi cimento nelle specialità siciliane».

E al tuo principe azzurro cosa prepareresti?

«Guarda che il mio principe azzurro esiste davvero! Lo sogno spesso, ma è un cavaliere senza volto. Se non lo vedo in faccia, come faccio a capire cosa gli piace?».

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna