I cartoon? Diventano horror

Nel mondo delle serie tv i vampiri sono belli e tentatori, come in True blood, e gli zombie sono brutti e affamati, come in The walking dead.Al cinema, invece, i mostri diventano i simpatici protagonisti dei cartoni animati. Morti viventi, streghe e fantasmi sono affrontati dal piccolo eroe di ParaNorman, ora nelle sale. I grandi personaggi dell’horror come Dracula, il Lupo mannaro e la Mummia vivono nell’Hotel Transylvania, che esce il 9 novembre.Mentre a gennaio arriverà il nuovo film di Tim Burton, Frankenweenie, con un cagnolino che assomiglia tantissimo al mostro di Frankenstein. Oltre alle terrificanti creature, questi film hanno un’altra cosa in comune: vogliono fare ridere i bambini esorcizzandone le paure.«Non è la prima volta che al cinema arrivano pellicole che riadattano in chiave leggera storie di fantasmi, zombie e vampiri» dice Genndy Tartakovsky, autore di cartoon di successo e ora all’esordio nel cinema con Hotel Transylvania, che ha presentato in anteprima al festival View conference di Torino. «Io per esempio mi sono ispirato alle atmosfere di Frankenstein Junior di Mel Brooks. La novità è che adesso si fa con i disegni animati».Ma così i grandi non rischiano di annoiarsi? «Niente affatto, perché parliamo anche a loro. In Hotel Transylvania il conte Dracula è terrorizzato dall’idea che sua figlia diventi maggiorenne e si innamori di un essere umano» spiega Tartakovsky, «E non è una cosa da poco: la paura che i figli crescano è un’ossessione di molti genitori contemporanei».

/5

Zombie, vampiri, streghe e mostri sono i protagonisti preferiti dei cartoni animati. Perché aiutano i bambini a ridere delle proprie paure

Scelti per te