Damiano David dei Måneskin. È nata una stella

Credits: KIKA
/5
di

Fiamma Sanò

La voce del gruppo Måneskin finalista a X Factor, ha solo 19 anni, ma si ispira a David Bowie, Mick Jagger e allo stile delle rockstar degli anni Settanta. Ecco perché piace alle giovanissime ma anche alle donne mature. È lui la rivelazione del momento

Se non altro è maggiorenne e tutte le signore “over”, capofila Alba Parietti (che ha esternato pubblicamente una certa passione per lui), sono al sicuro in termini di legge. Ma devono vedersela comunque con tutte le coetanee del nuovo sogno proibito delle adolescenti italiane. E cioè Damiano David, nato a Roma l’8 gennaio 1999, cantante dei Måneskin, gruppo finalista di XFactor 11. Damiano piace a tutte, e pure i maschi non negano il suo fascino. Magro, volto scavato, occhi cerchiati di nero, capelli biondi lunghi al collo, tutto maglie a rete e pellicce, giacche jacquard e orecchini, ma perfino tacchi a spillo, ha l’aspetto – e pure la voce, roca e potente – dei belli e dannati del glam rock degli anni ’70. E proprio a loro si ispira. «I Rolling Stones, i Doors, David Bowie, uniti però con Nicki Minaj e Rihanna. Insomma, dal 1970 al 2020!» sono i suoi punti di riferimento di stile prima ancora che di musica, dice.


  • 1 16
    Credits: Il frontman del gruppo Maneskin Damiano David al red carpet in occasione della finale della trasmissione televisiva X Factor Italia. Milano, 13 dicembre 2017
  • 2 16
    Credits: Maneskin
  • 3 16
    Credits: Maneskin
  • 4 16
    Credits: Maneskin
  • 5 16
    Credits: Maneskin
  • 6 16
    Credits: (KIKA) -
  • 7 16
    Credits: Maneskin
  • 8 16
    Credits: Maneskin
  • 9 16
    Credits: Maneskin
  • 10 16
    Credits: Maneskin
  • 11 16
    Credits: Maneskin
  • 12 16
    Credits: KIKA
  • 13 16
    Credits: Maneskin
  • 14 16
    Credits: Maneskin
  • 15 16
    Credits: Maneskin
  • 16 16

E se ci piace come si veste, ancora di più come si trucca. Non che sia una novità, nella storia della musica: da Mick Jagger a Kurt Cobain, persino al nostro Morgan, le rockstar non hanno mai disdegnato kajal e smalto. Ma se loro si truccavano per essere trasgressivi, Damiano lo fa perché gli piace proprio come sta. Quando lo incontriamo, sul viso ha un fondotinta opaco e chiarissimo, sugli occhi ombretto grigio leggero e matita sfumata, unghie dipinte di viola scuro e capelli sciolti e mossi (più di rado lo si vede con il codino in alto che lasciano intravvedere la rasatura ai lati). Facciamo il gioco della torre. Smalto o matita per gli occhi? «Matita, tutta la vita!». Tacchi a spillo o shorts? «Shorts, i tacchi a spillo sono scomodi…». Insomma, l’obiettivo sembra proprio sentirsi bene. «Dopotutto» dice «credo si sia notato che siamo a nostro agio nell’eccesso». Truccati, vestiti, svestiti... E il video di Chosen, pezzo forte dei Måneskin, dove Damiano appare al naturale, conferma.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te