Gli occhi di Anna Magnani

  • 1 3
    Credits: www.thaonderevel3.com

    "Ciao Anna". A vedere la sua immagine così intensa sul manifesto della mostra organizzata a Milano allo spazio Revel Scalo d'Isola viene proprio spontaneo sorriderle e salutarla, lasciarsi condurre per mano nel suo mondo.

    Anna Magnani è stata una delle più grandi attrici del cinema italiano. La sua corsa disperata dietro il camion dei nazisti che hanno appena catturato suo marito in "Roma Città Aperta" è ormai entrata nella memoria collettiva, così come tanti suoi film che hanno il sapore di un'Italia che non c'è più, di un'Italia che tante di noi non hanno conosciuto e che forse ci affascina ancora di più anche per questo.

    Emilia, Adele, Pina. I nomi dei suoi personaggi erano semplici, era lei a renderli indimenticabili con la sua forza, la sua intensità che incantava al primo sguardo. Se avete pianto e riso con lei, se amate i vecchi film, o semplicemente vi siete incuriosite di fronte a queste bellissime foto, non perdere la mostra dedicata ad Anna e al suo mito: immagini, costumi, manifesti, giornali d'epoca, un video sui suoi aspetti più nascosti e il suo Oscar. Sì, perché proprio lei fu la prima attrice italiana premiata nella storia degli Academy Awards per il film "La Rosa Tatuata".

    "Ciao Anna"
    Fino al 30 ottobre presso lo spazio Revel Scalo d'Isola
    Via Thaon De Revel, 3
    Tel. 02 683185
    Ingresso libero

  • 2 3
    Credits: www.thaonderevel3.com

    Anna con Burt Lancaster, al fianco del quale recita in "La Rosa Tatuata", film che le vale il primo Oscar a un'attrice italiana.

    "Ciao Anna"
    Fino al 30 ottobre presso lo spazio Revel Scalo d'Isola
    Via Thaon De Revel, 3
    Tel. 02 683185
    Ingresso libero

  • 3 3
    Credits: www.thaonderevel3.com

    Anna con Anthony Quinn, con lei in "Il segreto di Santa Vittoria" e "Selvaggio è il vento".

    "Ciao Anna"
    Fino al 30 ottobre presso lo spazio Revel Scalo d'Isola
    Via Thaon De Revel, 3
    Tel. 02 683185
    Ingresso libero

/5
di

Laura M. Bosisio

A pochi mesi dal centenario della sua nascita, una mostra ripercorre le tappe della carriera artistica di una grande attrice che è già un mito

 

Tag:
Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te