del

Guglielmo Scilla, il fenomeno di Youtube ora in tv con la fiction Baciato dal sole

di Mattia Carzaniga
Vota la ricetta!

Le ragazzine (e non solo) sono pazze di lui. Dalle clip di Youtube, al cinema, al palco del Festival, fino ad arrivare alla fiction su Rai1. Ecco la storia del fenomeno Guglielmo Scilla

Le ragazzine (e non solo) sono pazze di lui. Dalle clip di Youtube, al cinema, al palco del Festival, fino ad arrivare alla fiction su Rai1. Ecco la storia del fenomeno Guglielmo Scilla

Un caffè con Donna Moderna

Guglielmo Scilla debutta nella fiction. E anche sul palco dell’Ariston. A Sanremo è passato nella serata finale per promuovere Baciato dal sole, nuova serie di RaiUno in onda dal 22 febbraio. È la storia di un ragazzo che dalla Puglia si trasferisce a Roma per partecipare a un talent show. Nel promo della fiction, in cui recitano anche Giuseppe Zeno e Barbora Bobulova, si vede Scilla sulle note di Credimi ancora di Marco Mengoni, guarda caso uno dei trionfatori di X-Factor. E si intuisce che la trama sarà fittissima di invidie, intrighi, forse persino un omicidio. Ma perché le ragazzine (e non solo loro) sono pazze di Scilla?

I record su YouTube
All’inizio è stato Willwoosh, ovvero il nome d’arte adottato per il suo canale Youtube. Guglielmo Scilla è nato a Roma nel 1987, e dal giorno di capodanno del 2009 posta video sulla web Tv più seguita del mondo: il titolo del primo contribuito è Iella natalizia. Oggi il suo canale vanta ben 700mila iscritti, per un totale di quasi 90 milioni di visualizzazioni: numeri da record per il nostro Paese. «Il mio sogno era scrivere e recitare, e il web mi dava la possibilità di fare le due cose insieme» confessa lui. «Anche per questo non ho intenzione di lasciare la Rete».

Cinema, libri, radio
Si inizia a puntare sul fenomeno fin da subito. Nel 2010 “Willwoosh” Scilla entra nel cast della commedia Una canzone per te, dove recita nei panni di un nerd patito di musica. L’anno successivo è autore e interprete della webserie Freaks! e fa il suo esordio su Radio Deejay come voca di A tu per Gu. Da lì l’attività di attore/autore viene affiancata a quella di scrittore, il 2012 è l’anno del bestseller 10 regole per farla innamorare (spin-off dell’omonimo film, scritto tra gli altri da Fausto Brizzi) e nel 2013 esce il suo primo romanzo: L’inganno della morte (edito da Kowalski). Tra gli altri film a cui ha preso parte ci sono anche Matrimonio a Parigi (2011) e Fuga di cervelli (2013), accanto a Paolo Ruffini.

Il privato (e il futuro)
Riservatissimo sul versante privato nonostante le folle di fan urlanti che si porta sempre dietro, Scilla finora è riuscito a schivare gossip di qualsiasi tipo, da vero “divo” digitale qual è: fidanzate vere o false che gli sono state attribuite, illazioni su una presunta omosessualità, e via spettegolando. «Non credo che una donna vorrebbe starmi vicina ora, ho davvero troppo da fare. Vivo con il mio cane. Funziona tantissimo, anche con le ragazze» ha dichiarato in una recente intervista. Intanto anche a Sanremo, dove sarebbe dovuto arrivare già giovedì prima di essere “rimandato” alla serata finale, le ammiratrici hanno fatto di tutto pur di strappargli un selfie. O forse speravano qualcosa di più.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna