del

Hugh Grant

di Elisa Leonelli
Vota la ricetta!

Dove J sta per Jemima Goldsmith. Pare proprio che la bella e tosta ereditiera stia per riuscire in un''impresa storica: portare all''altare l''inafferrabile Hugh Grant. Ma siamo sicuri che a lei convenga? Mica tanto. Perché uno così è meglio perderlo che trovarlo. Leggete per credere

Dove J sta per Jemima Goldsmith. Pare proprio che la bella e tosta ereditiera stia per riuscire in un''impresa storica: portare all''altare l''inafferrabile Hugh Grant. Ma siamo sicuri che a lei convenga? Mica tanto. Perché uno così è meglio perderlo che trovarlo. Leggete per credere

Un caffè con Donna Moderna

Hugh John Mungo Grant nasce il 9 settembre 1960 a Chiswick, vicino a Londra. Si laurea in inglese a Oxford e debutta in un film studentesco, Privileged. Dal 1987 al 2001 è fidanzato con la top Elizabeth Hurley. La storia resiste agli scandali (nel 1995, a Los Angeles, Grant viene fermato in macchina con una prostituta e arrestato per atti osceni), ma non alla avversione del divo per le nozze. Tra un litigio e l'altro, da due anni Hugh è fidanzato con la 32enne ereditiera Jemima Goldsmith. Ama il golf, le auto e le costose bottiglie di vino.

I suoi successi

Per il suo primo film, "Maurice", Hugh Grant vince il premio come miglior attore al Festival di Venezia del 1987. Ma è grazie a "Quattro matrimoni e un funerale" (1994) che diventa un divo. E il re della commedia romantica. Le sue pellicole di maggior successo sono: "Nine months" (1995), "Notting Hill" (1999), "Il diario di Bridget Jones" (2001) e il seguito "Che pasticcio, Bridget Jones!" (2004), "About a boy" (2002). Ora sta girando con Drew Barrymore "Music and lyrics by".

Il cinema? "Mi annoia. Recito perché francamente non saprei che altro fare nella vita". Le donne? "Mi amano perché sono un bastardo". I bambini? "Mi piacciono vestiti alla marinara. La tata te li porta all'ora di cena, tu gli dai un buffetto e li rispedisci a letto". Se queste perle dello Hugh Grant pensiero non sono bastate a convincervi che uno così è meglio perderlo che trovarlo, provate a mettervi nei panni della sua fidanzata on-off Jemima Goldsmith.

A Natale il più impenitente scapolo d'oro vi porta alle Barbados e vi regala un anello di zaffiri e diamanti. Ad aprile comprate una casa da sogno a Londra per andare a vivere insieme. A maggio gli fate l'ennesima scenata perché di sposarsi e avere figli non ne vuole proprio sapere. E lui come reagisce? Flirta a Cannes con la sua ex storica, Liz Hurley. Salvo poi pentirsi, tornare in ginocchio da voi e farsi perdonare con un romantico weekend a Venezia. Stando agli ultimi tam tam del gossip, infatti, solo quando Jemima gli ha comunicato che lo mollava per sempre, Hugh ha capitolato. E avrebbe pronunciato (o accettato, non si sa) la fatidica proposta di matrimonio.

In "American Dreamz", il suo nuovo film, interpreta il conduttore di un reality show cinico, arrogante e sciupafemmine. Il regista Paul Weitz ha detto di essersi ispirato proprio a lei

"Sono rimasto scioccato, e anche un po' dispiaciuto, quando l'ho saputo: è un personaggio pieno di disperazione e pessimismo. Ma abbiamo tutti un lato oscuro, no? E, non so perché,  è quello che affascina di più le persone. Anche se nessuno avrà mai il coraggio di confessarlo".

Pensa di assomigliargli?

"Penso, e spero, di no! Di certo non porto camicie hawaiane, croci al collo e braccialetti di plastica... E non sono così grasso... La cosa divertente è che sul set cercavo di dimagrire, così mangiavo solo barrette: peccato che non avessi letto sulla confezione che hanno 5 milioni di calorie l'una".

Lei guarda i reality?

"Certo che sì! Anche se non dovrei dirlo, li adoro, in particolare "Cambio moglie". La gente vera è sempre più interessante dei personaggi inventati. E poi godo quando vedo i concorrenti umiliati in diretta".

Quindi non vi parteciperebbe mai.

"Temo che la mia dignità ne uscirebbe distrutta".

Di cos'altro ha paura?

"Di fallire".

Come uomo o come attore?

"Al cinema non sono così bravo come pensavo di poter essere: mi vengono bene le commedie romantiche. Ma ho passato i 45, e non potrò recitare per molto la parte del coccolone innamorato senza apparire ridicolo".

Sta per caso attraversando la famigerata crisi di mezza età?

"Ho comprato una Aston Martin. Lei che ne dice?".

Allora avrà anche fatto un bilancio della sua vita.

"Penso che non sia stata del tutto sprecata, ma neanche memorabile".

Rimpiange di non essersi sposato?

"Mi scusi, ma a questa domanda non credo che risponderò. Passo".

Pensa che lo farà in futuro?

"Passo".

Le piacciono le donne di carattere, come la sua fidanzata Jemima?

"Passo".

In generale, che tipo di donna preferisce: fedele ma un po' noiosa oppure eccitante ma potenzialmente traditrice?

"Penso che tutti gli uomini le vogliano entrambe: la moglie e l'amante, meglio se riunite nella stessa persona. No?".

Che rapporto ha con la sua ex fidanzata Liz Hurley?

"Sono il padrino di suo figlio. E siamo soci in affari. Sul resto, passo".

Come mai è tanto reticente sulla sua vita privata?

"Perché mi sono stufato di essere frainteso, di dovere sempre spiegare quello che si suppone abbia detto ai giornali. Intendiamoci, capisco la curiosità: io stesso, quando leggo l'intervista a un attore, me ne frego di sentirlo parlare del film, mi interessa sapere con chi va a letto. Ma non ho più intenzione di giocare a questo gioco. Voglio indietro la mia privacy".

E con i paparazzi come fa?

"Fosse per me, li manderei in galera. In tutti i Paesi civili l'invasione della privacy dovrebbe essere un reato".

Ma comportandosi in modo così scostante non rischia di perdere i fan?

"Pazienza...".

Progetti per il futuro?

"Sto girando un film con Drew Barrymore, intitolato "Music and lyrics by". Dopo, chissà... Al futuro non ci penso. Mi piace scrivere, sono alle prese con una sceneggiatura da un anno e mezzo. Ma, dato che non ho una scadenza da rispettare, riesco sempre a trovare una scusa per non mettermi al computer. Basta che mio padre mi inviti a giocare a golf, e mollo tutto. Ora, poi, che ci sono anche i Mondiali di calcio... Le pare che possa rinunciare a una partita dell'Inghilterra per lavorare?".

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna