del

I film da vedere al cinema ad aprile 2017

di Redazione
I film da vedere al cinema ad aprile 2017 3 - 3.00/5

Arrivano nelle sale italiane i Puffi e i Power Rangers, ma anche anche l'atteso thriller con protagonista Kristen Stewart, "Personal Shopper", e la storia di tre ragazze palestinesi a Tel Aviv, "In Between"

Un caffè con Donna Moderna

Arrivano nelle sale italiane i Puffi e i Power Rangers, ma anche anche l'atteso thriller con protagonista Kristen Stewart, "Personal Shopper", e la storia di tre ragazze palestinesi a Tel Aviv, "In Between"

Il mese di aprile segna l'arrivo nelle sale italiane di due Blockbuster per bambini e ragazzi: il nuovo episodio con protagonisti i folletti bli, I Puffi - Viaggio nella foresta segreta, che piacerà a tutta la famiglia, e i Power Rangers, reboot dello sceneggiato televisivo anni Novanta a sua volta ispirato ai personaggi creati da Haim Saban, Shuki Levy e la Toei Company. L'operazione Power Rangers è costata intorno ai 150 milioni di dollari e si prevede possa andare molto bene al botteghino.

Se invece i supereroi e robot non fanno per te, niente paura, tra i film da vedere al cinema ad aprile ce ne saranno tanti che accontenteranno anche i palati più raffinati. Intanto, escono alcune pellicole italiane: il 13 aprile è la volta di Lasciati andare, dove Toni Servillo interpreta un analista, e il 20 aprile di Fortunata, con Stefano Accorsi. Esce il 13 aprile Personal Shopper, l'atteso thriller con protagonista la brava Kristen Stewart, mentre rivedremo Emma Watson, reduce dal successo de La bella e la bestia, nei panni di una giovane informatica in The Circle

In Between: 3 ragazze palestinesi a Tel Aviv
Arriva poi nelle sale In Between - Libere disobbedienti innamorate, pellicola diretta dalla regista palestinese Maysaloun Hamoud che racconta la vita di tre giovani donne arabe a Tel Aviv. Tra tentativi di raggiungere l'indipendenza, amori e complicati rapporti familiari, il film è un ritratto inedito e privo di stereotipi della gioventù palestinese. Due delle tre protagoniste sono sessualmente libere, una dichiaratamente gay, fumano e non portano il velo, mentre la terza, la dolce Noor, indossa l'hijab e obbedisce al futuro marito finché quest'ultimo non compie violenza su di lei: per tutti questi motivi, il film ha suscitato molte polemiche e tutto il cast ha anche subito minacce di morte.

«A me sembra la riprova che il film rispecchi la realtà, e che molti uomini hanno paura di vedersi allo specchio per come sono, non per come si rappresentano, con quell'ipocrisia che nelle società conservatrici ha molti adepti» ha dichiarato Hamoud, aggiungendo anche che «Mai come dopo l'uscita del film le israeliane e le palestinesi hanno alzato la loro voce luminosa, al di sopra di quella oscurantista della tradizione. Tutte le organizzazioni femministe si sono schierate a difesa del film. E finalmente si è aperta una discussione su temi come l'emancipazione, la parità di genere, l'omosessualità. Questo è il risultato che ogni artista spera di ottenere con il proprio lavoro». Esce il 6 aprile, non perdertelo. 

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna