del

Perché Scamarcio vuole farci credere che è fedele?

di Lavinia Rittatore
Vota la ricetta!

Dice che ha avuto solo due storie importanti, che l'età non conta, scrive poesie funebri e suona la batteria e la chitarra. Noi non crediamo a una parola di quello che ha detto. Decidete voi

Dice che ha avuto solo due storie importanti, che l'età non conta, scrive poesie funebri e suona la batteria e la chitarra. Noi non crediamo a una parola di quello che ha detto. Decidete voi

Un caffè con Donna Moderna

Riccardo Scamarcio

Riccardo Scamarcio nasce il 13 novembre 1979 ad Andria (Bari). Nonostante sia uno studente pigro e un po' svogliato, si diploma in ragioneria. Partecipando a una commedia amatoriale, scopre la passione per la recitazione. Così alla

fine degli anni Novanta decide di trasferirsi a Roma, per iscriversi al Centro sperimentale di cinematografia. E in poco tempo diventa uno dei giovani attori italiani più promettenti. Dopo essere stato fidanzato per dieci anni con la coetanea Angela, ora ha una relazione con l'attrice Valeria Golino, 40 anni.

I suoi successi

Dopo essersi fatto notare nelle fiction Ama il tuo nemico (2000) e Compagni di scuola (2001), Riccardo Scamarcio ottiene una particina ne La meglio gioventù (2003). La svolta arriva con 3MSC-Tre metri sopra il cielo (2004), in cui il giovane attore interpreta il ribelle Step. In tutti i suoi film del 2005, L'uomo perfetto, Texas, e Romanzo criminale, Riccardo veste i panni del bullo metropolitano. Alla fine del 2006 è un eroe romantico nel remake dello sceneggiato La freccia nera.

L'inizio della conversazione con Riccardo Scamarcio ha un che di surreale. Il giovane divo è impegnato nel tour promozionale del suo nuovo film, Manuale d'amore 2 (capitoli successivi). Dopo averlo inseguito, letteralmente, per tutta l'Italia, lo raggiungo al telefono a Bari. "Hotel Palace" rispondono dall'altra parte della cornetta. "La stanza 701, per favore" dico io. Musichetta di sottofondo, poi una voce uguale a quella di prima: "Hotel Palace. Desidera?". Ho già chiesto la stanza 701. "Vuole Riccardo Scamarcio?". Sì, grazie. "Eccomi". Scusi, ma lei non era il portiere? (Risata) "Forse". Per me va anche bene parlare con lei, se è autorizzato a rispondere a nome di Scamarcio.

Già che ci siamo, mi dice come mai lui detesta le interviste?

"Perché? È così evidente? Però amo, cioè ama, moltissimo il suo lavoro".

Be', si è tradito! Mi sa che lei non è il portiere, ma Riccardo Scamarcio in persona: ovvero il sex symbol emergente del cinema italiano.

"Non esageriamo!".

Dopo essere diventato l'idolo delle teenager con 3MSC-Tre metri sopra il cielo, ora conquista anche le 40enni. Monica Bellucci ha detto che la vostra scena di sesso in Manuale d'amore 2 è stata la più erotica della sua carriera. "Io so solo che quello era il sogno proibito del regista, Giovanni Veronesi!".

In che senso?

"Era lui a immaginare di fare sesso seduto su una sedia a rotelle con Monica in versione fisioterapista sexy. Io sono semplicemente il portavoce delle follie di registi e sceneggiatori" (ride).

Ma com'è stato?

"Faticoso, l'abbiamo fatto per cinque ore... E acrobatico, soprattutto per la posizione. Da sdraiati è molto, ma molto più comodo".

Lusingato di piacere sia alle ragazze di 20 anni sia alle donne di 40?

"L'età non c'entra, è una questione di alchimia. Eros, l'episodio di Manuale d'amore 2 in cui recitiamo la Bellucci e io, racconta come tra due persone possa scattare una passione travolgente anche se ci sono più di dieci anni di differenza. Monica a un certo punto dice: "Stanotte farò tutto quello che ho sempre sognato". E io che pensavo di interessarle solo per i massaggi al quadricipite... Ci facciamo troppi complessi".

In che senso?

"Noi maschi veniamo accusati di avere il chiodo fisso del sesso. Ma chi ha detto che le donne non abbiano le nostre stesse fantasie erotiche?".

Non mi ha ancora detto come fa a piacere a tutte.

"Credo che dai personaggi che interpreto trapeli la mia anima".

Gli occhi verdi non c'entrano?

"No! Anzi, al Centro sperimentale di cinematografia mi dicevano che dovevo spegnerli: "Quello sguardo lo farai sul set, non qui". Conclusione: più tentavo di sedurre, più gli insegnanti mi bastonavano (ride). Però hanno fatto bene, altrimenti avrei un'unica espressione".

Non usa il suo sguardo nemmeno per conquistare le donne?

"Io ne ho avute solo due importanti: la mia ex Angela, con cui sono stato dieci anni, e adesso Valeria (Golino, ndr): ci siamo conosciuti due anni fa, ora viviamo insieme a Roma. Non sono uno da storielle, io. Né esco con una donna solo per sfoggiarla in giro".

Sta dicendo che è un romanticone?

"Sono un uomo del Sud, mi piace corteggiare, mandare fiori, cedere il passo, pagare il conto al ristorante. Se tra maschi e femmine ci sono delle differenze, ci sarà pure un motivo. Altrimenti, saremmo tutti gay e lesbiche".

Quindi, come seduce?

"Se mi innamoro, divento tremendo: telefono, faccio regali, invito a cena... Non mollo. Sarà un ragionamento da stronzo, ma do per scontato che se amo devo essere ricambiato".

È andata così con Valeria?

"Quando ci siamo incontrati, sul set di Texas, eravamo entrambi impegnati. Non immaginavo che mi sarei innamorato".

Per la differenza di età?

"L'età non conta, l'ho già detto: quando l'alchimia scatta, scatta".

E in lei come scatta?

"Con gli odori. L'olfatto, che tutti sottovalutano, a me dà sensazioni magiche".

È vero che preferisce cenare a casa piuttosto che andare a una festa?

"Sì. Se sei appena un po' famoso e vai in un locale, passi gran parte del tempo a fare foto e firmare autografi. Allora mi passa la voglia: seduto a tavola con la mia donna sto benissimo".

E cos'altro fa nel suo tempo libero?

"Suono la batteria e la chitarra. E recito poesie funebri".

Poesie funebri?

"Gliene dico una, se vuole. Si intitola Coincidenze ferroviarie e fa così: "Prendesti quel treno, e c'era una bomba proprio in quel treno. Eri in quel vagone e la bomba era lì. Eri in quello scompartimento, e la bomba era sempre lì. Eri seduta nel posto numero 15 e la bomba era proprio lì sotto..."".

Davvero ha come hobby questa roba? Sembra la strofa di una canzone di Elio e le storie tese.

"Boom, la bomba è scoppiata" (ride).

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna