del

Bonus giovani di 500 euro: come funziona

di Fabio Brinchi Giusti
Vota la ricetta!

Cinquecento euro da spendere in cultura: biglietti per il cinema, teatro, musei, libri e musica. Come funzionerà il bonus? Chi può usufruirne?

Un caffè con Donna Moderna

Cinquecento euro da spendere in cultura: biglietti per il cinema, teatro, musei, libri e musica. Come funzionerà il bonus? Chi può usufruirne?

Un bonus di 500 euro per i ragazzi che compiono 18 anni. Una novità contenuta nell’ultima legge di Stabilità che entrerà in vigore nel maggio 2016. Il bonus potrà essere speso esclusivamente per attività o beni per la propria crescita culturale e si potrà attivare tramite una app. Allo Stato costerà 270 milioni di euro e riguarderà 570.000 ragazzi.

Chi ne ha diritto?

Riceveranno il bonus tutti gli studenti italiani nati nel 1998 che quest’anno compiono o hanno già compiuto 18 anni. Esclusi, invece, nonostante qualche polemica, i giovani extracomunitari. Il bonus, nelle intenzioni del Governo, diventerà una misura permanente: anche chi farà 18 anni nei prossimi anni, ne avrà diritto.

Come funziona?

Per accedere al bonus, i neomaggiorenni dovranno scaricare sul proprio smartphone l’apposita applicazione fatta sviluppare dal Governo. “Tale app” –spiega il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Tommaso Nannicini– “servirà da market place per effettuare gli acquisti. Sarà possibile registrarsi e scaricare voucher per un totale di 500 euro”. In altre parole, il ragazzo si registrerà sull’applicazione e poi potrà scegliere fra le varie proposte presenti.

Cosa si potrà comprare?

Una volta fatta la scelta, il ragazzo, stampando il voucher (o mostrando l’app all’esercente) potrà accedere all’attività scelta. In particolare il bonus potrà essere speso per acquistare libri da leggere (anche non scolastici), biglietti per un concerto, per spettacoli teatrali, per vedere un film al cinema. Oppure l’ingresso in un museo o in una riserva naturale. Non si potranno spendere, invece, per scaricare online film o musica data la decisione del Governo di privilegiare le attività dal vivo. Escluse, ovviamente, anche qualsiasi altra attività di tipo non culturale. Saranno previste anche convenzioni e sconti speciali per i ragazzi possessori del bonus.

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna