del

Casa: dal 2016 si può acquistare in leasing

di Lorenza Pleuteri
Casa: dal 2016 si può acquistare in leasing 2 - 1.50/5

Chi non riesce ad avere un mutuo per comperare la casa, dal 2016 potrà fare un leasing, come per le auto. Lo prevede la legge di Stabilità. E se ha meno di 35 anni godrà anche di agevolazioni fiscali. Ecco tutte le novità

Un caffè con Donna Moderna

Chi non riesce ad avere un mutuo per comperare la casa, dal 2016 potrà fare un leasing, come per le auto. Lo prevede la legge di Stabilità. E se ha meno di 35 anni godrà anche di agevolazioni fiscali. Ecco tutte le novità

Il 2016 porterà una novità positiva per le persone che hanno difficoltà di accesso al credito bancario e non riescono ottenere un mutuo per comprare un appartamento. Si apre una strada alternativa.

Leasing, detrazioni fiscali e agevolazioni
La prima casa, a partire dall'anno prossimo, si potrà prendere e poi acquistare in leasing, come già succede per le automobili, i capannoni industriali, i negozi e le seconde abitazioni. Lo prevede un emendamento recepito dalla commissione Bilancio della Camera e inserito nella legge di Stabilità, in corso di discussione. Sono previste detrazioni fiscali e agevolazioni, in particolare per under 35 e aiuti per i lavoratori che dovessero perdere il posto. Non solo.  "Questa misura -dice in una nota l'onorevole Raffaello Vignali (Area popolare), promotore della proposta con il collega Paolo Petrini (Pd) - contribuirà anche a smuovere il mercato immobiliare, che è la filiera industriale più grande d'Italia, e alla crescita del Pil e dell'occupazione".  "Rispetto ai mutui - aggiunge Petrini- non ci saranno i pesanti costi iniziali. E non saranno richieste garanzie a genitori o nonni.  Lo "svantaggio" relativo è che la proprietà si otterrà solo con il saldo dell'ultima rata".

La differenza rispetto all’affitto con riscatto
In Italia esiste già il rent to buy, l'affitto con riscatto, ma con il leasing immobiliare si va oltre. “Vengono previste detrazioni fiscali interessanti e c'è attenzione per i giovani e per coloro che non riescono ad avere mutui bancari” chiarisce Anna Vizzari, esperta di credito al consumo e di mutui dell'associazione Altroconsumo. “Per un giudizio completo bisognerà però aspettare di vedere come questa formula sarà realizzata in concreto, in relazione al numero delle rate, all'ammontare del canone, agli aspetti pratici".

Come funzionerà il leasing
La banca o l'intermediario prescelto si impegnano ad acquistare o far costruire una casa in base alla scelta o alle indicazioni dell'utilizzatore. L'inquilino pagherà un canone mensile per un periodo di tempo concordato con un contratto di leasing. Alla scadenza l'abitazione potrà essere riscattata al prezzo prestabilito, con una maxi rata finale. "Non saranno richieste perizie -rimarca l'onorevole Petrini - e non saranno necessarie ipoteche, diversamente dai mutui classici".

Quanto costerà
Il canone dovrà essere stabilito tendendo conto del prezzo di acquisto o di costruzione dell'immobile utilizzato. In caso di risoluzione del contratto, per colpa dell'inquilino, la casa tornerà in possesso della banca o dell'intermediario che l'ha data in uso.

"Paracaduti" speciali per chi è in difficoltà
Se chi ha in uso la casa dovesse perdere il posto di lavoro e trovarsi in difficoltà con i pagamenti, potrà sospendere il versamento del canone, ma per una volta sola e per un periodo non superiore a un anno. Per il "congelamento" delle rate non ci saranno spese aggiuntive né penali.

I vantaggi fiscali
In particolare sono favoriti gli under 35 con un reddito annuo sotto i 55mila euro. "Per loro - precisa Petrini - è prevista una detrazione fiscale del 19 per cento su una cifra massima di 8mila euro all'anno. La stessa detrazione, fino a 20mila euro di importo pagato, c'è anche sulla maxirata finale".

Per gli over 35 le detrazioni sono dimezzate (4mila euro di tetto massimo su cui applicare il 19 per cento di detrazione, maxi rata finale di 10mila euro). Per i contratti di locazione di immobili non di lusso, altra agevolazione, l'imposta di registro sarà dell'1,5 per cento.

Il punto critico della legge
"Un inquilino - esemplifica Vizzari di Altroconsumo - potrebbe non riuscire più a pagare le rate, nemmeno dopo la sospensione di un anno. Dovrà lasciare l'appartamento e la banca lo venderà .  Non è detto che il cliente riesca poi a recuperare l'intera somma fin lì versata. Potrebbe rimetterci. Infatti dovrà coprire l'eventuale differenza tra il prezzo di vendita della casa sul mercato da parte della banca e la somma tra la maxi rata finale prestabilita ed i canoni non pagati indicati nel contratto di leasing".

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna