Pagamenti digitali sicuri: ecco i consigli

Credits: Shutterstock
/5
di

Giorgia Nardelli

Usi la carta di credito online? Oppure una pregagata? Ecco come effettuare pagamenti sicuri. Anche con la carta contactless

In media ogni italiano usa i pagamenti con carta di credito per spendere solo 37 euro l’anno. Chi vive nei Paesi nordici ne spende circa 300 (dati del Movimento difesa del cittadino). «Molti consumatori non conoscono i vantaggi della moneta digitale e pensano che sia poco sicura» dice il presidente del Movimento difesa del cittadino Francesco Luongo. L’associazione dei consumatori ha da poco avviato la campagna Pago sicuro su come usare il denaro elettronico senza correre rischi (difesadelcittadino.it/pagosicuro). Ecco i consigli.

Se usi la carta di credito online

«Assicurati che il sito prescelto utilizzi sistemi di sicurezza internazionali, come i codici Ssl (Secure socket layer) e Set (Secure electronic transaction). Li riconosci dal simbolo del lucchetto chiuso che precede l’indirizzo della pagina web. L’indirizzo, inoltre, deve sempre cominciare con la sigla https, e non con il semplice http» dice Luongo. «Se hai dubbi scrivi al servizio clienti. Infine, dopo l’acquisto, salva o stampa le ricevute, in caso di problemi serviranno per dimostrare l’avvenuto pagamento».

Se usi una carta contactless

Ti permette di effettuare pagamenti fino a 25 euro senza digitare il Pin, avvicinando semplicemente la tessera al Pos. «Anche se la carta sfiora la macchinetta più volte» rassicura Luongo «il dispositivo registra una sola transazione». Altro timore è che i dati contenuti in questo tipo di tessera possano essere rubati accostando alla borsa o alla tasca che la custodisce apparecchi sofisticati. «È una paura infondata perché l’eventuale apparecchio dovrebbe trovarsi a non più 3 cm dal chip della carta, cosa difficile senza che il proprietario se ne accorga» spiega l’esperto. Vale comunque sempre il consiglio di attivare il servizio di allerta via sms, che ti segnala ogni transazione.

Se preferisci la carta prepagata

«Poiché questo tipo di carta non è legata a un conto corrente e può essere ricaricata in contanti, non è sempre possibile avere un estratto conto. È quindi ancora più importante conservare ricevute e scontrini, in modo da poter sempre monitorare le spese e verificare il saldo».

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te