Soldi online e pagamenti digitali: ci sono novità (e più sicurezza)

Credits: Shutterstock
/5
di

Alessandro Rimassa

Dal 13 gennaio 2018 entra in vigore in Italia la direttiva Ue Psd2. L'esperto ci spiega i vantaggi per noi consumatori

Un'opinione di:
Direttore e cofondatore di TAG Innovation School, la scuola dell’innovazione e del digitale nata...

Se un tempo si andava allo sportello e poi si è passati al sito web o all’app, oggi le banche cambiano ancora. E in meglio per noi clienti. Dal 13 gennaio 2018 entra infatti in vigore in Italia la direttiva Ue Psd2 (Payment service directive): un insieme di nuove regole che hanno lo scopo di aumentare la protezione dei consumatori online, ma anche di promuovere lo sviluppo dei pagamenti in mobilità attraverso un sistema di comunicazioni bancarie aperte tra diversi soggetti.

In pratica potremo pagare, investire e gestire i nostri soldi, da app e siti che non sono più quelli della banca in cui abbiamo il conto corrente. Questo permetterà, nel tempo, di fare sempre più operazioni tramite il digitale (e soprattutto il nostro telefono), di avere servizi migliori in termini di efficacia e costi, volendo anche di cambiare banca più facilmente. Insomma, il digitale mette al centro il cliente anche nei servizi.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te